Solidarietà Veneto, il fondo pensione più diffuso in Veneto

Aderire ad un fondo pensione non significa solo gestire un risparmio previdenziale fiscalmente agevolato; la contribuzione può essere composta da tre elementi: il TFR, il versamento volontario e il contributo a carico del datore di lavoro.

banca banche soldi contanti moneta euro

Di: Emiliano Galati (Felsa Cisl)

Solidarietà Veneto è il fondo pensione complementare negoziale a capitalizzazione individuale e contribuzione definita più diffuso tra i lavoratori del Veneto. Nasce per affiancare il cittadino nella gestione dei suoi risparmi durante il percorso lavorativo con l’obiettivo di mantenere inalterato il tenore di vita al pensionamento.

Aderire ad un fondo pensione non significa solo gestire un risparmio previdenziale fiscalmente agevolato. La contribuzione può essere composta da tre elementi: il TFR,  il versamento volontario e il contributo a carico del datore di lavoro.

Il Trattamento di fine rapporto (TFR) è il principale strumento di contribuzione al fondo pensione. Una scelta che, di fatto, non influisce direttamente sullo stipendio netto mensile.

Il versamento volontario per incrementare il risparmio previdenziale, oltre al TFR, può essere versato una quota a carico del lavoratore, stabilita dal contratto di lavoro. Si tratta di una percentuale, (mediamente dell’1,4%) calcolata sulla retribuzione “lorda”. I benefici? Uno sconto fiscale almeno del 23% e un ulteriore contributo a carico dell’azienda.

La quota a carico del datore di lavoro si attiva questo versamento volontario da busta paga nella misura prevista dal contratto di lavoro, ottenendo un extra rendimento garantito ed esentasse. Il contributo dell’azienda è pari a circa 250 – 300 euro all’anno; un importo a cui il lavoratore non iscritto al fondo pensione contrattuale rinuncia, mese dopo mese.

LEGGI LE ULTIME NEWS DI ECONOMIA

La normativa che regolamenta i fondi pensione italiani, di qualsiasi natura essi siano, prevede importanti vantaggi fiscali per i lavoratori dipendenti iscritti alla previdenza complementare. I versamenti a Solidarietà Veneto sono deducibili fiscalmente fino ad un massimo di 5.164,57 € all‘anno (in questo massimale non rientra il TFR).

In conclusione gli importi deducibili vengono sottratti dal reddito prima di calcolare l’imposta (reddito meno importi deducibili). Di fatto versando al fondo pensione, abbatti il reddito imponibile con un conseguente e significativo sconto fiscale.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM