Pensioni, il dibattito eterno: come gestirle? IL TEMA DEL GIORNO

Il tema del giorno di oggi, venerdì 1 dicembre, è dedicato alle pensioni. Governo e sindacati discutono sulle misure, ma la tendenza è quella di un aumento dei pensionati in rapporto ai lavoratori attivi. Come affrontare la questione? Facci sapere cosa ne pensi.

soldi euro denaro

Il tema del giorno di Daily Verona: pensioni

Il tema del giorno di oggi, venerdì 1 dicembre, è dedicato alle pensioni. Governo e sindacati discutono sulle misure, ma la tendenza è quella di un aumento dei pensionati in rapporto ai lavoratori attivi. Come affrontare la questione? Facci sapere cosa ne pensi.

LEGGI E GUARDA ANCHE: Conto alla rovescia per il nuovo sottopasso a Verona

Sempre più pensionati in rapporto ai lavoratori

Il 37% delle province italiane ha più pensionati che lavoratori attivi, superando la soglia della parità. In alcune città del Sud, come Reggio Calabria, Messina, Foggia e Napoli, il rapporto tra lavoratori attivi e pensionati è inferiore a 100. Tuttavia, ci sono eccezioni come Bari, Matera e Barletta. Nel Nord, Genova e Torino si avvicinano alla parità, mentre a Roma e Milano ci sono 133 lavoratori attivi ogni 100 pensionati. Il miglior dato si registra a Bolzano, con 162 lavoratori attivi per 100 pensionati.

Attualmente, in Italia, il rapporto è di 1,4 lavoratori per 1 pensionato, ma le prospettive demografiche indicano un abbassamento a 1,3 nei prossimi dieci anni, spingendo il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, a sottolineare la necessità di aumentare il numero di lavoratori attivi per mantenere un rapporto di almeno 1,5.

LEGGI ANCHE: Cambia anche circonvallazione Oriani con il nuovo sottopasso a Verona

Il nodo

Il governo non ha abbandonato la riforma delle pensioni, ma la sua attuazione è stata limitata dalla situazione finanziaria attuale e dalla crescita dei costi pensionistici dovuta all’inflazione. Nonostante alcuni interventi mirati nella manovra al Senato, una riforma più ampia è stata rimandata, come dichiarato dalla premier Giorgia Meloni. La prossima riforma potrebbe consentire uscite anticipate vincolate a un nuovo calcolo contributivo dell’assegno e una revisione dell’indicizzazione dei trattamenti pensionistici, con un focus sull’irrobustimento della previdenza per i lavoratori totalmente contributivi e sul potenziamento della previdenza complementare.

La Commissione UE ha chiesto all’Italia di rendere il sistema previdenziale sostenibile, richiedendo limitazioni agli anticipi pensionistici. La recente manovra del 2024 propone restrizioni e penalità per le uscite anticipate, come nel caso di Quota 103, con ricalcolo contributivo dell’assegno e un aumento dell’età minima per alcune opzioni pensionistiche come Ape sociale e Opzione donna.

La riforma mira anche a introdurre flessibilità nelle uscite pensionistiche, con proposte già discusse con le parti sociali e organizzazioni istituzionali. C’è la prospettiva di un canale di pensionamento flessibile, basato su requisiti di accesso inferiori rispetto a quelli attuali, con un calcolo contributivo completo dell’assegno. Tuttavia, resta incerto se questa flessibilità sarà basata sull’età, sull’anzianità contributiva o solo sul numero di anni di versamenti.

Un punto critico riguarda l’opzione di uscita pensionistica a Quota 41, che permetterebbe di andare in pensione con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età. Questa opzione, sostenuta da alcuni nella maggioranza, come la Lega, potrebbe essere costosa e non allineata alle richieste dell’UE, anche se rimarrebbe legata al ricalcolo contributivo dell’assegno.

LEGGI ANCHE: Pazienti ustionati a Bolzano, morto a Verona l’uomo di 31 anni

Il confronto con i sindacati

Giorgia Meloni mercoledì ha tenuto un confronto di oltre tre ore a Palazzo Chigi con i sindacati Cgil, Cisl e Uil per discutere delle pensioni dei dipendenti pubblici, dopo aver posticipato l’incontro lo scorso venerdì a causa dello sciopero di Cgil e Uil. Ha assicurato che gli assegni di vecchiaia non subiranno modifiche, ma questa è stata l’unica certezza emersa, lasciando i sindacati divisi e insoddisfatti.

La Cisl di Luigi Sbarra ha apprezzato l’impegno del governo nel dialogo, mentre Cgil e Uil confermano la loro mobilitazione nel Sud, criticando il governo per non aver modificato una manovra che considerano sbagliata. Maurizio Landini ha attaccato il governo, definendolo «insensibile alle piazze», un sentimento condiviso da Pierpaolo Bombardieri.


Rispondi al sondaggio


Il tema del giorno su Radio Adige Tv a “Squadra che vince”

Questa sera alle 18 e in replica 21 su Radio Adige Tv appuntamento con il tema del giorno anche a “Squadra che vince“, il programma condotto dal direttore del Gruppo Verona Network Matteo Scolari.

Dove vedere Radio Adige Tv

  • In streaming su www.radioadige.tv,
  • su Radio Adige Play (HBBTV, canale 19 del DTT),
  • tramite APP Radio Adige (gratis per Android e iOs).