Next Heroes, l’incubatore veneto per lo sviluppo delle startup

Next Heroes è un laboratorio per lo sviluppo intelligente delle start-up, nato a Castelfranco Veneto, nel trevigiano. Il progetto mira a essere un aiuto per avviare business ad alto contenuto innovativo e tecnologico.

next heroes laboratorio startup marketing ufficio

L’Italia è sempre stato un paese di grandi inventori. Tuttavia, secondo il “Report sull’impatto degli Incubatori/acceleratori in Europa” di Social Innovation Monitoroggi tre start up su quattro falliscono entro il primo anno, e dopo tre anni ne resta viva solo una su dodici. I motivi non sono quasi mai collegati al prodotto: nel 56% dei casi la causa è la gestione errata del marketing, nel 18% mancano le persone con adeguate competenze, il 16% molla per motivi economici e a seguire questioni tecniche, legali o operative.

Sulla scorta di queste analisi Bassel Bakdounes, titolare dell’agenzia di marketing e vendita online Velvet Media, ha avviato circa un anno fa il progetto Next Heroes, il nuovo Innovation Hub, un aiuto per avviare business ad alto contenuto innovativo e tecnologico.

«Lo Stato italiano non aiuta gli imprenditori, siamo stufi di vedere idee morire e per questo abbiamo risolto il problema alla radice creando un modello totalmente rivoluzionario -, dice Bassel Bakdounes, founder dell’hub e titolare dell’agenzia che ospita il progetto nel proprio stabile, Velvet Media -. Nell’ultimo anno abbiamo studiato oltre un centinaio di proposte, ne abbiamo scelte solo una dozzina. In tutto, stimiamo che queste realtà nel 2021 possano fatturare circa sedici milioni di euro. Non a caso, alcuni fondi hanno già chiesto di entrare nella proprietà dell’hub, stiamo portando avanti trattative interessanti. È la prova, anche economica, che le idee possono ancora vincere. L’Italia deve uscire dalla crisi economica causata dal Covid e saranno questi business a salvarla».

Leggi anche: Startup innovative, nel 2020 record di iscrizioni

Tra i fattori che caratterizzano Next Heroes vi è il think tank. All’interno dell’innovation hub è stato creato un team di progetto costituito da professionisti con know-how ed expertise diversificati per offrire consulenze trasversali, supplendo così alle mancanze degli incubatori tradizionali. Saranno gli stessi professionisti a formare il comitato tecnico che sta filtrando le start up che si propongono. Tra di loro, oltre a Bakdounes, Sebastiano Zanolli, manager, advisor, speaker e autore, Cristiano Ottavian, esperto in project management e nell’avvio di startup, Candi Chen, esperta di strategia e imprenditrice con ampia esperienza in international business management, e Riccardo Scandellari, divulgatore, formatore, autore e consulente in ambito branding e comunicazione.

«Il Covid sta lentamente uccidendo la nostra economia, per ripartire l’Italia ha bisogno di start up innovative che sappiano pensare un futuro diverso – conclude Bakdounes -. Siamo certi che l’ecosistema di Next Heroes, amplificato dall’arrivo di fondi di investimento, giocherà un ruolo chiave nella rinascita del tessuto economico italiano già adesso, già durante la pandemia. L’innovazione tornerà di nuovo ad essere il motore dell’economia». 

Le startup di Next Heroes

  • Algoritmo di Attribuzione per l’industria della moda;
  • Unkover, marchio di abbigliamento ecosostenibile;
  • Fanatic Art, linea di merchandising basata su licenze comics, anime e gaming;
  • Gaming Phygital Event, un summit su più giornate dedicato agli appassionati di eSport;
  • Les Gamers, linea di integratori pensati per gamers;
  • Bite e gel igienizzanti per la pulizia dei denti;
  • Vendere Online, per l’accelerazione della digitalizzazione delle PMI;
  • All Stars For Good, per mettere in contatto vip dello sport con associazioni benefiche;
  • Sesamo Shop, il primo ecommerce europeo interamente dedicato al B2B;
  • The Brand Ambassador, il portale italiano dedicato ai nano e microinfluencer.

Leggi anche: “Italian master Startup Award”, vince MegaRide