“Il naufragio dell’ordine liberale” alla Fondazione Campostrini

Fondazione campostrini

Vittorio Emanuele Parsi chiude il ciclo d’incontri “Al bivio. L’Occidente tra passato e futuro” venerdì 23 novembre alle 18.15 alla Fondazione Campostrini in via Santa Maria in Organo, 2, Verona.

Dopo l’analisi dell’attuale crisi occidentale da un punto di vista storico di Luciano Canfora e da quello sociologico di Carlo Bordoni, a chiudere il ciclo d’incontri Individuo&Società dal titolo “Al bivio. L’Occidente tra passato e futuro” sarà Vittorio Emanuele Parsi. Con un approccio politico-economico, venerdì 23 novembre alle 18.15 il relatore terrà un incontro dal titolo “Il naufragio dell’ordine liberale”. L’appuntamento è domani, venerdì 23 novembre alle 18.15 alla Fondazione Centro Studi Campostrini.

Vittorio Emanuele Parsi è professore ordinario di Relazioni internazionali nell’Università Cattolica di Milano e, dal 2002, professore nella Facoltà di Economia dell’Università della Svizzera Italiana. È direttore dell’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali (Aseri) ed editorialista di «Avvenire» e «Panorama».

Tema dell’incontro sarà l’ordine globale neoliberale che dagli anni Ottanta ha sostituito l’ordine liberale che governava il sistema internazionale dal secondo dopoguerra. Quattro i pericoli individuati dall’autore: declino della leadership americana ed emergere di Russia e Cina (sul cui sfondo si stagliano la crisi nordcoreana e quella mediorientale), polverizzazione della minaccia legata al terrorismo, deriva revisionista della presidenza Trump e affaticamento delle democrazie strette tra populismo e tecnocrazia. Nel suo ultimo libro “Titanic. Il naufragio dell’ordine liberale” (Il Mulino, 2018), Parsi sostiene che, nonostante le sue difficoltà, solo l’Europa può ancora contribuire a ristabilire la rotta originaria, ma a condizione di vincere la battaglia più difficile, quella interna, per riequilibrare la dimensione della crescita e quella della solidarietà.

Il ciclo è patrocinato dal Comune di Verona e dalla Provincia di Verona.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.