Ieri il flashmob del settore Matrimoni ed eventi privati

Ieri in Campo San Geremia a Venezia circa cinquanta professionisti del settore Matrimoni ed eventi privati hanno manifestato contro l'assenza di una data per la ripartenza per le attività del comparto.

Matrimoni ricevimento banchetto nozze sposi fiori

Ieri, dalle ore 12 alle 14, in Campo San Geremia a Venezia, circa cinquanta professionisti del settore Matrimoni ed eventi privati hanno tenuto una manifestazione di protesta contro la mancata indicazione di una data per la ripartenza per le attività del comparto. Ad organizzarla, in contemporanea con altre 11 capoluoghi di Regione, UNANIME, la confederazione delle associazioni di categoria del settore Matrimoni ed Eventi.

«Il governo – spiega Giulia Bolla, capo della delegazione veneta di Federmep, federazione dei matrimoni e degli eventi privati – ha indicato date per la ripresa di ogni tipo di attività, ma non per il nostro comparto. Una decisione incomprensibile che rischia di bruciare anche la stagione estiva, dopo 14 mesi di inattività. Tanto più incomprensibile perché non è stato preso in considerazione il protocollo per la ripartenza che abbiamo consegnato alla Conferenza delle Regioni. Perché vogliamo ripartire e vogliamo farlo in sicurezza».

Alla manifestazione erano presenti le consigliere regionali Laura Cestari e Alessandra Sponda, che si sono già attivate da tempo per supportare il nostro settore e che domani presenteranno in giunta regionale un mozione a sostegno della filiera degli eventi.

LEGGI LE ULTIME NEWS DI ECONOMIA

«Abbiamo inoltre avuto disponibilità per un incontro con l’assessore al Turismo Caner – aggiunge Alice Guiotto, responsabile dei rapporti con le istituzioni di Federmep – cui chiederemo di poter creare un tavolo regionale di lavoro permanente, con tutte le altre associazioni del settore, perché gli eventi in una regione come il Veneto hanno anche un’ enorme ricaduta anche sul turismo».

Tre le richieste sul tavolo: oltre a una ripartenza immediata dei matrimoni e degli eventi, l’ampliamento del fondo a sostegno delle imprese del settore, istituito, su richiesta di Federmep, dal decreto Sostegni, e un’accelerazione nella liquidazione dei ristori. Sullo sfondo una class action per il risarcimento dei danni subiti.

«Siamo professionisti responsabili, attenti a ogni dettaglio. Compresa la sicurezza per i nostri clienti. Dopo oltre un anno di inattività chiediamo una cosa straordinaria: ricominciare a lavorare. Per questo serve subito un calendario delle riaperture, per consentirci di programmare le nostre attività», conclude Bolla.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO ULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM