Della Bella (Apindustria): «Alle PMI servirà liquidità»

Il presidente di Apindustria Confimi Verona Renato Della Bella commenta il momento difficilissimo per le PMI veronesi e italiane. Giudica insufficienti i provvedimenti del Governo, in particolare il decreto "Cura-Italia", e chiama all'appello le banche.

Il presidente di Apindustria Confimi Verona Renato Della Bella, intervistato ai nostri microfoni, ritiene prioritario per le piccole medie imprese, in questo momento di piena emergenza coronavirus, il sostegno al credito e alla liquidità, chiamando in ballo neanche troppo indirettamente le banche.

«È assolutamente necessario che dalle banche siano previste velocissime procedure di incremento fidi con garanzie governative a favore delle aziende e procedure di ricadenziamento dei crediti anticipati, che siano messe in campo forme di finanziamento diretto tramite fidi di cassa a costo zero per dotare il sistema di quelle risorse finanziarie necessarie alla ripartenza delle produzioni. «Senza questo insieme di azioni, coordinate tra loro, andremo sicuramente incontro a mesi in cui si conteranno un numero di decessi sicuramente meno cruenti dal punto di vista umano, ma altrettanto pesanti dal punto di vista economico e sociale: quelli delle nostre aziende e dei posti di lavoro che queste hanno sempre assicurato».