Automotive, Suzuki è la casa più apprezzata dai concessionari

suzuki automotive dealer day

Secondo un’indagine Dealerstat Suzuki è la casa più apprezzata dai concessionari. Argento e bronzo a Porsche e Mercedes.

La giapponese Suzuki supera Porsche dopo due anni di dominio e vince il Dealerstat 2019, l’indagine annuale di Quintegia sul grado di soddisfazione dei concessionari nel rapporto con le case automobilistiche (32 marchi in totale), presentata a Veronafiere nel corso dell’Automotive Dealer Day, che si è chiuso ieri. A completare il podio, Mercedes che recupera ben 7 posizioni e si piazza al terzo posto. A seguire nella top 10, in ordine, anche Toyota, Bmw, Volvo, Ford, Mini, Kia e Land Rover.

Per Massimo Nalli, presidente Suzuki Italia: «Dal 1980 ad oggi la crescita del marchio Suzuki in Italia ha coinciso con la crescita della sua rete che ha ricambiato con una fedeltà al di sopra dell’interesse commerciale del momento, consentendo di incrementare i volumi di oltre il 200% negli ultimi sei anni. Crediamo che il rapporto tra i nostri imprenditori concessionari e Suzuki Italia si rifletta interamente sulla qualità della relazione degli stessi concessionari con il cliente, perciò la soddisfazione della rete è una colonna portante della nostra strategia. Aver raggiunto il primato per soddisfazione tra gli imprenditori nella ricerca autorevolmente firmata da Quintegia è quindi un grande onore ed una grande responsabilità. Da oggi Suzuki ha un ulteriore debito di riconoscenza verso i propri Concessionari»

«Negli ultimi anni sta crescendo il livello generale di soddisfazione nei confronti delle case automobilistiche – ha detto il manager di Quintegia, Alberto Bet -, in virtù anche di una maggior fiducia non solo sul prodotto (3,56 in una scala da 1 a 5), ma anche sulla formazione (3,49) e sui servizi finanziari (3,44). Importante anche la prospettiva innovativa delle concessionarie italiane, un’esigenza sempre più sentita dagli imprenditori del settore, con oltre la metà dei dealer pronti ad accelerare sull’innovazione entro i prossimi 3 anni». Su questo fronte, è Toyota – con l’85% delle segnalazioni – la casa considerata a maggior propensione innovativa, seguita da Volvo, Bmw, Lexus e Audi, tutte con quote oltre il 60%.

Nella rilevazione, svolta sul 60% dei concessionari del Paese, tra i marchi made in Italy solo Jeep (ventesima) è presente nella top 20. Per quanto riguarda i marchi premium, ancora buona la prestazione di Bmw (al 5° posto) e Volvo (6° posto). Tra le aree di minor soddisfazione, le vendite business (valutazione a 2,78), i margini (2,80) e gli standard richiesti dalle case (2,98). La valutazione complessiva si segnala infine in crescita; da 3,23 dello scorso anno al 3,32 di quest’anno.