Veneto, approvata la nuova legge quadro della cultura

Cristiano Corazzari
l’Assessore regionale alla Cultura, Cristiano Corazzari

«È l’atto conclusivo della vasta azione di riforma del Veneto nel campo della cultura, una strategica operazione di ammodernamento legislativo che è alla base del programma di questa legislatura. Dovevamo snellire la ‘vecchia’ normativa del settore, composta da decine leggi, ormai non più in sintonia con le esigenze culturali della società veneta, allineandola all’attuale quadro legislativo di riferimento, nazionale ed europeo». Così l’assessore alla cultura della Regione del Veneto, Cristiano Corazzari, saluta con soddisfazione l’approvazione del Consiglio del disegno di legge quadro in materia di cultura.  

«Con l’odierno voto dell’assemblea di palazzo Ferro Fini – prosegue l’assessore – completiamo il percorso di riordino del settore, frutto della fattiva collaborazione di associazioni, istituzioni ed enti che svolgono nel territorio un ruolo insostituibile, con i quali ci siamo confrontati sin dall’inizio: l’obiettivo comune è stato quello di dotarci di una norma che favorisca un’efficace azione di governo per sostenere lo sviluppo della cultura in ogni sua forma e rendere maggiormente fruibili il patrimonio e le iniziative regionali in quest’ambito, anche al fine di creare nuovo valore economico. Una cultura più fruibile, quindi, intesa come strumento di sviluppo e motore di innovazione economica e sociale – spiega l’assessore –, capace di essere volano di occupazione e di crescita. In questa direzione già da alcuni anni ci stiamo muovendo concretamente attraverso l’utilizzo dei Fondi del POR FESR destinati alle imprese culturali, creative e dello spettacolo, nella consapevolezza che il Veneto dispone di uno straordinario giacimento artistico, storico, identitario e culturale, che, insieme agli eventi di qualità, genera ricchezza e lavoro, diretti e indotti, essendo elemento chiave per turismo, industria, servizi, attività produttive».

Corazzari ha ricordato i numeri straordinari dei beni culturali del Veneto, che somma migliaia di luoghi di cultura: oltre 300 tra musei, monumenti e aree archeologiche, circa mille biblioteche e 800 archivi che conservano un ricchissimo patrimonio archeologico, artistico, archivistico, bibliografico e naturalistico, più di 800 tra spazi teatrali e sale cinematografiche, oltre 3.800 Ville Venete. Inoltre, nel campo culturale e artistico, la nostra regione può contare su oltre 5.000 tra enti e istituzioni non profit, che impiegano circa 6.000 persone, tra addetti e lavoratori esterni, e più di 75.000 volontari.

«In Veneto – aggiunge l’assessore – sono attive circa 38mila imprese culturali e creative, pari all’8,6% di tutta Italia. Esse rappresentano il 7,7% del tessuto imprenditoriale regionale e l’11% di tutto il fatturato italiano del comparto culturale. A favore di queste aziende la Regione ha stanziato complessivamente dal 2016 a oggi più di 11 milioni di euro di finanziamenti del POR FESR (per start up, avvio nuove imprese, consolidamento e sviluppo di quelle già attive), a cui si aggiungono altri 5 milioni di euro a sostegno delle produzioni cinematografiche e audiovisive».