All’ex Arsenale un week end all’insegna dei suoni e i sapori della Feria, la festa andalusa

Per il quinto anno consecutivo tornano all’ex Arsenale, musiche, colori e sapori dell’Andalusia. L’Associazione culturale italo -spagnola (Acis) , con il patrocinio del Comune, porta a Verona dal 24 al 26 maggio la ‘Feria’, la celebre festa popolare dell’Andalusia presentata nei gorni scorsi dall’assessore alla Cultura e dalla presidente dell’Acis Anna Altarriba Cabrè.

“Per il quinto anno festeggiamo la Feria – ha detto la Altarriba questa mattina – e per la prima volta abbiamo svegliato l’interesse dei sevigliani e del comune di Siviglia. Fare una festa di questa portata non è molto comune in Italia o all’estero. Venerdì abbiamo iniziato con una conferenza tenuta da un professore di Granada e con una bailladora professionista di flamenco. Poi abbiamo illuminato l’orologio della porta in Piazza Bra con i colori della bandiera nazionale, poi abbiamo proseguito fino a mezzanote con le sevillanas”

Sabato si sono svolte due sfilata di moda flamenza organizzate da due stiliste proveniente da Siviglia con abiti indossati dagli studenti del Liceo Fracastoro, dell’Educandato Agli Angeli e del Liceo Maffei, grazie alla connessione creata dalla rete Enredados Para La Rgne: “Abbiamo creato una conessione tra dieci isituti del territorio di Verona – ha detto Claudia D’Orazi, responsabile della rete Enredados Para La Egne per il territorio di Verona – e propone ogni anno iniziative e attivita rivolte a studenti e docenti per contatti diretti con la cultura spagnola. Tramite il Liceo classico Scipione Maffei abbiamo firmato una convenzione con Acis per metter in pratica il progetto di alternanza scuola lavoro previsto dall’ultima riforma scolastica”.

Ci sono state poi alcune lezioni sulla storia del flamenco e improvvisazioni di flamenco fino a mezzanotte. Iniziative accolte con entusiasmo dai veronesi che hanno affollato l’Arsenale.  Questa mattina invece, sono stati organizzati organizzati dei mini corsi di ballo per bambini.