“Aggrappate alla musica”: un concerto per ricordare

Giovedì 25 gennaio la violinista Ester Kawula e la pianista Maria Di Pasquale si esibiranno nel concerto Aggrappate alla musica, dedicato al ricordo delle compositrici che hanno vissuto l’Olocausto sulla loro pelle.

La musica ha salvato la vita di molte persone, spesso in modi diversi. Per alcune donne, in particolare Rosy Wertheim, Henriette Bosmans, Alma Rosè e Alice Herz-Sommer, la musica ha spesso significato la salvezza dagli orrori dell’Olocausto. Con il concerto al femminile, Aggrappate alla musica, la pianista Maria Di Pasquale e la violinista Ester Kawula riporteranno in vita alcune delle composizioni scritte da quelle stesse musiciste prigioniere nei campi di concentramento. L’appuntamento, previsto per giovedì 25 gennaio alle 21, si terrà al Polo G. Zanotto in viale dell’Università, 4.

Estera Kawula è nata a Cracovia (Polonia) nel 1980, ha studiato il violino frequentando l’Accademia di Musica di Cracovia e conseguendo la laurea nel 2004 con il massimo dei voti. Maria Di Pasquale ha studiato a Milano, diplomandosi a pieni voti in pianoforte al conservatorio, sotto la guida di Alberto Ferrari successivamente con Romanini e Tramma ed a Parigi, al Conservatoire Eurepèen con Fidler e in ultimo con il grande Maestro G. Cziffra.

L’evento, a ingresso libero, è prodotto da Eadem Produzioni in collaborazione con l’Università di Verona.