In mille e settecento candidati si sono presentati oggi alll’ateneo scaligero, sparsi in varie aule, per sostenere il test d’ammissione ai corsi di laurea in Medicina e chirurgia e Odontoiatria. Di questi, solo 200 riusciranno a passare, un 20% in più insomma rispetto all’anno scorso. Una scelta motivata da diverse ragioni, come spiega il presidente del Corso di laurea dell’ateneo scaligero Mauro Zamboni. Tra queste, i molteplici sbocchi lavorativi, e un lavoro, che, per quanto se ne dica, è più sicuro di molti altri.

Il problema tuttavia del gap che c’è tra i laureati e chi poi riesce a prendere la borsa di specialità, è ancora molto attuale. Si parla di migliaia di studenti ogni anno.