È giunto il tempo dell’atteso appuntamento sinfonico al Teatro Filarmonico con “Il Settembre dell’Accademia“, giunto quest’anno alla 28esima edizione, che da giovedì 5 settembre a martedì 8 ottobre vedrà avvicendarsi sul palco direttori, solisti e orchestre tra i più prestigiosi al mondo.

Oggi, nella sala Arazzi di Palazzo Barbieri, l’assessore alla Cultura del Comune di Verona Francesca Briani e il presidente dell’Accademia Filarmonica Luigi Tuppini hanno presentato il programma di quest’anno, svelando i grandi nomi di questa nuova stagione e le sorprese che riserverà al pubblico. Manifestazione collaterale sarà “La città in concerto“, che svincolerà dagli spazi del Filarmonico i musicisti, aprendo così la magia dei concerti, tutti a ingresso gratuito, a diversi luoghi della città.

Oltre ad alcuni fra gli artisti più amati dai veronesi, come Yuri Temirkanov e la sua Orchestra Filarmonica di San Pietroburgo e Myung-Whun Chung della Filarmonica della Scala, ci saranno anche tre nuove compagini e nuovi volti che debutteranno sulla scena veronese. Tra le novità di quest’anno, dunque, il trentenne direttore Lahav Shani, della Israel Philarmonic, e la violista norvegese Vilde Frang.

L’Accademia Filarmonica ha scelto con cura i programmi musicali da proporre al pubblico, scegliendo per questa 28esima stagione di seguire il filo che, a partire dal Romanticismo Mendelssohn e Brahms, conduce fino al Novecento di Ravel, Stravinskij e Rachmaninov e al XXI secolo di Fagerlund. Un programma che, naturalmente, non lascerà indietro la Trinità del classicismo viennese, composta da Haydn-Mozart-Beethoven.

«Questa sarà una stagione sinfonica importantissima – ha sottolineato l’assessore Briani – e altrettanto lo saranno le presenze internazionali sul palco del Teatro Filarmonico. La città di Verona è grata all’Accademia Filarmonica per gli straordinari festival che organizza ogni anno e che vengono sempre accolti con affetto dal pubblico scaligero».

«Sono ormai quasi trent’anni – ha aggiunto il presidente Tuppini – che proponiamo questa rassegna con le più grandi Orchestre del mondo. Questo segno di internazionalità è ciò che ci contraddistingue. Anche per la 28esima stagione avremo delle novità: per la prima volta ospiteremo l’Orchestra di Rotterdam, l’Orchestra nazionale di Spagna e l’Orchestra della Radio finlandese».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.