A otto anni dall’ultimo intervento di disinfestazione degli insetti xilofagi, comunemente conosciuti come tarli del legno, a inizio estate 2019 si è reso necessario un nuovo intervento di conservazione sull’apparato ligneo della Chiesa e della sacrestia di S. Maria in Organo. Grazie alla puntuale segnalazione dei volontari della Fondazione Verona Minor Hierusalem, che dal novembre 2016 accolgono le migliaia di visitatori in questo scrigno d’arte e spiritualità, si è potuto intervenire prontamente in ottica della salvaguardia dell’opera d’intarsio ligneo eseguita da fra’ Giovanni, uomo di Dio e genio del Rinascimento.

Il coro e la spalliera della sacrestia sono state realizzate tra la fine del Quattrocento e il primo ventennio del Cinquecento. Il legno, materiale vivo e perciò soggetto a deterioramento, richiede una manutenzione programmata che la Diocesi di Verona, attraverso il suo Ufficio Beni Culturali Ecclesiastici, mette in campo nell’ottica di una conservazione che prevenga interventi di restauro. L’operazione è stata agevolata dalla attività della Fondazione Verona Minor Hierusalem che, attraverso i volontari, non solo valorizza l’eredità spirituale dei luoghi custoditi ma riesce anche monitorare e ad essere braccio operativo a sostegno della tutela delle chiese.

L’azione di disinfestazione dai tarli, eseguita dai restauratori Giovanna Jacotti e Massimo Ziliani sull’intero arredo ligneo della chiesa, è stata possibile grazie alla sensibilità che, Fondazione G. Zanotto e Banco BPM Banca Popolare di Verona, dimostrano nei confronti del patrimonio artistico della città scaligera.

Durante l’incontro il docente Giovanni Bresadola approfondirà la figura di fra Giovanni, monaco benedettino e autentico uomo del Rinascimento. La sua maestria va infatti collocata a fianco dei più grandi artisti e intellettuali a lui coevi, dai quali si distingue per l’umiltà e la semplicità maturata nella vocazione olivetana e per il fine che lo spingeva a realizzare dei capolavori che a distanza di secoli continuiamo ad ammirare: quello di lodare Dio attraverso le opere.

Una selezione musicale dal repertorio del tempo di fra Giovanni sarà eseguito all’organo dal Maestro Umberto Forni e al termine dell’incontro i volontari della Fondazione Verona Minor Hierusalem accompagnano a una passeggiata contemplativa tra le opere di Fra Giovanni custodite in Santa Maria in Organo.

Inoltre, per l’occasione, l’Associazione Rivela con Fondazione G. Zanotto consegneranno un omaggio ai presenti: un ricordo e un invito a farsi a loro volta ambasciatori della ricchezza d’arte e cultura che la nostra città possiede.

L’invito è aperto a tutti.