Sulla scia del successo di due anni fa, quando salirono sul palco areniano per il concerto-evento “40 anni che ti amo” di Tozzi, il 25 settembre i due artisti torneranno sulla maestosa scena dell’anfiteatro per l’ultimo concerto del tour insieme, alle 21. Una scaletta, quella dello spettacolo, che coinvolgerà i fan riproponendo i grandi successi che li hanno resi due tra i musicisti più amati dal pubblico italiano e hanno segnato la storia di più generazioni, come “Gloria”, “Self control”, “Si può dare di più”, “Cosa resterà degli anni Ottanta”, “Ti amo”. Brani immortali, che oggi continuano a trovare ascoltatori e appassionati anche fra i più giovani.

Per il “gran finaleareniano i repertori dei due cantautori sono stati rivisitati a due voci, insieme alla band che li accompagnerà sul palco.

«In questo bellissimo tour – ha detto Umberto Tozzi – quello che abbiamo sentito di più è stato il grande coinvolgimento che siamo riusciti ad ottenere dal pubblico che è venuto a trovarci. Quello che vivremo in Arena sarà sicuramente un momento esplosivo e molto emozionale per tutti, non solo perché sarà il nostro “finale”, ma anche, e soprattutto, per quello che ci regalerà il pubblico».

«Per ora non abbiamo pianificato nessun altro concerto insieme – ha proseguito Raf – quindi questo è l’ultimo concerto del tour, che lasciamo con nostalgia e non senza qualche lacrimuccia».

«Io e Raf ci conosciamo da moltissimo tempo – ha continuato Tozzi – abbiamo scritto insieme, in passato, canzoni che hanno avuto un grande successo, come “Si può dare di più”».

I due cantautori ci hanno anche svelato i loro piani per il futuro: «Ci aspettiamo di fare due dischi di inediti meravigliosi – ha risposto Tozzi – e, naturalmente, speriamo di avere successo con i nostri nuovi lavori».

«Io sto lavorando a un progetto che avevo lasciato in stand-by in vista di questo tour con Umberto – ha concluso Raf – ora lo sto riprendendo, sarà molto ambizioso perché si deve confrontare con la realtà musicale di oggi. Ce la sto mettendo tutta».