Preoccupati gli esercenti veronesi

Continuano a preoccupare le conseguenze dell'emergenza Coronavirus, che grava su tutti i comparti economici e in modo particolare sul settore turistico e quello della ristorazione. Abbiamo intervistato alcuni esercenti questa mattina in centro città.

«Siamo preoccupati, l’emergenza Coronavirus ha creato panico diffuso e i clienti preferiscono stare e casa»: sono queste le parole di alcuni esercenti che abbiamo intervistato questa mattina in centro città. Rabbia e sconforto, per una situazione di crisi che si sta ripercuotendo sui diversi comparti economici, in particolare quelli del turismo e della ristorazione.

«Il Governo dovrebbe dare delle linee chiare, c’è solo panico e confusione – ci dice un pasticcere – così non si può andare avanti».

«Stiamo lavorando molto meno rispetto agli altri giorni – continua una barista – c’è troppo allarmismo e noi lo stiamo notando parecchio».

«Abbiamo delle strutture ricettive qui in centro – prosegue un albergatore – e fino a pochi giorni fa eravamo al completo, ora in molti hanno cominciato a disdire. Le prenotazioni che arrivano in questo momento sono per maggio o giugno, però stiamo vivendo giorno per giorno, perché non sappiamo bene come comportarci e cosa potrà succedere».