Peschiera, no definitivo della Giunta al raddoppio del depuratore

Lunedì 2 marzo, il Comune di Peschiera del Garda ha messo la parola fine all’ipotesi di raddoppio del depuratore. Il presidente di Azienda Gardesana Servizi, Angelo Cresco: «Per noi è folle l’ipotesi di raddoppio del depuratore, si tratta di un impianto già saturo, l'obiettivo è quello di migliorarlo».

Lunedì 2 marzo, il Comune di Peschiera del Garda ha messo la parola fine all’ipotesi di raddoppio del depuratore, la giunta ha approvato infatti un Ordine del giorno nel quale si chiarisce che si tratta di un’ipotesi che «non può essere neanche lontanamente presa in considerazione».

Un atto formale da parte dell’Amministrazione guidata dal sindaco Orietta Gaiulli che smentisce, oltre ogni ragionevole dubbio, la proposta avanzata da alcuni sindaci della sponda bresciana del lago, che immaginavano di portare i reflui dei propri Comuni nell’impianto di Peschiera. «La nostra comunità – si legge nella delibera approvata – dovrebbe subire, a detta di questi “novelli ambientalisti” l’ipotesi di un ulteriore ritardo della progettazione per ridefinire il progetto che ha già avuto una attenta analisi degli organi competenti».

Il Comune di Peschiera, assieme ad Azienda Gardesana Servizi, ribadisce quindi l’importanza di seguire quanto stabilito dal progetto di rifacimento del collettore del Garda che prevede la dismissione delle condotte sublacuali e la presenza di due depuratori: uno in territorio bresciano e uno a Peschiera che raccoglie i reflui anche di Desenzano e Sirmione.

«Il problema per noi non si è mai posto – chiarisce il presidente di Ags Angelo Cresco in conferenza stampa congiunta con il comune di Peschiera martedì 3 marzo – perché il progetto definitivo del nuovo collettore del Garda è stato confermato, appena qualche giorno fa, dai tecnici della Regione Lombardia, da quelli della Regione Veneto, dai rispettivi Ato e dal Ministero dell’Ambiente».

«Nel progetto non è previsto alcun raddoppio di Peschiera» ribadisce Cresco. «Per noi è improponibile, inattuale e folle l’ipotesi di raddoppio del depuratore di Peschiera perché si tratta di un impianto già saturo. Il nostro obiettivo è quello di migliorarlo, ma portare nuovi reflui significa rischiare di inquinare il Mincio».

«La delibera che abbiamo approvato in giunta – ha detto il sindaco Gaiulli – è una presa di posizione ufficiale, chiara e netta da parte della comunità di Peschiera. Esprimiamo formalmente la nostra totale contrarietà all’eventualità di raddoppio del depuratore, fatto che avevo già escluso anche a vari sindaci bresciani che me lo avevano ventilato».

«Da questo punto di vista c’è totale contrarietà – conclude il sindaco – nel rispetto del progetto già approvato per il rinnovo del collettore del Garda che ha sempre previsto due impianti di depurazione di cui uno nel bresciano».