Nuova Tipografia: «Abbiamo superato la sfida del Covid con la previdenza»

In vista della 10ª edizione del Premio Verona Network, dedicato alle persone e alle aziende che fanno grande Verona, l'intervista a Luca Zanarotto, titolare di Nuova Tipografia, candidato nella categoria Impresa.

«La nostra azienda è un etichettificio, produciamo etichette autoadesive in rotolo per l’artigianato e l’industria. Serviamo dunque dal più piccolo cliente, che magari necessita di mille etichette, fino alla grande distribuzione, con ordini superiori al milione di pezzi. Il settore per cui lavoriamo di più è quello farmaceutico, ma anche chimico, cosmetico e alimentare. Realizziamo ogni genere di etichetta: anti contraffazione, anti vandalismo, lavorazioni pregiate, come dorature a caldo, ologrammi, effetti multicolori, verniciate, rispondendo a ogni esigenza dei clienti».

«L’emergenza sanitaria è stata una vera sfida: con il lockdown, la prospettiva di dover chiudere tutto e di fermare le produzioni ci ha spaventato parecchio. Però, vinta la paura iniziale, ci siamo rimboccati le maniche e, lavorando per il settore farmaceutico, abbiamo continuato la nostra attività, realizzando le etichette per i gel lavamani, per i prodotti destinati alla chirurgia e così via. La nostra fortuna è stata la previdenza: avevamo avuto il sentore che la possibilità di rifornirsi rapidamente sarebbe venuta meno, così abbiamo fatto ingenti scorte di materia prima; scelta che ci ha permesso di rifornire i nostri clienti e dare continuità, quindi, al servizio».

«Abbiamo adottato tutte le misure di sicurezza e di distanziamento necessarie. In azienda siamo rimasti a lavorare solo io e un macchinista, per evitare contatti ravvicinati, il personale degli uffici continua a operare da remoto. Per quanto riguarda le mascherine invece, eravamo già ben attrezzati, perché fanno parte del nostro lavoro da sempre. Ho vietato, inoltre, gli accessi di terzi in azienda, e ho separato anche i locali e gli ingressi che utilizziamo io e il mio macchinista. La disinfezione delle sale con l’alcol viene effettuata ogni giorno ed è stato eliminato dalle scrivanie tutto ciò che non fosse strettamente necessario».

«Gli investimenti e i progetti che avevamo in mente per quest’anno e il prossimo, purtroppo, sono saltati. Quello che ci preme, oggi, è restare in piedi, continuare a garantire il servizio nel migliore dei modi per i nostri clienti, senza mollare mai».