Nel programma nato dalla sinergia tra il Comune di Verona, Fondazione Cariverona, Accademia Filarmonica di Verona e Fondazione Arena, alcuni concerti in sedi prestigiose e una preziosa mostra in Biblioteca Civica. Il concerto d’apertura, il 5 gennaio alle 18.30, si svolgerà nella splendida cornice della sala Maffeiana, con il soprano Britta Schwarz accompagnato da George Kallwit al violino, Francesco Galligoni al violoncello e Christine Schornsheim al fortepiano. Per il concerto della giornata inaugurale, il Comune di Verona ha predisposto un maxischermo in piazza Bra per trasmettere in diretta l’esecuzione e condividerla con tutta la cittadinanza.

Il 7 gennaio, alle 20.30, nella Chiesa di S. Tomaso Cantauriense, seguirà poi il tradizionale appuntamento musicale per celebrare la storica esecuzione mozartiana del 7 gennaio 1770, con un programma interamente articolato su musiche del compositore di Salisburgo eseguite dalla Venice Baroque Orchestra diretta da Andrea Marcon, con le voci soliste di Margriet Buchberger (soprano), Francesca Ascioti (contralto), Giacomo Schiavo (tenore) e Federico Benetti (basso).

Infine, per le due giornate del 10 e dell’11 gennaio, Fondazione Arena propone al Teatro Filarmonico un concerto che, attraverso le musiche mozartiane, farà rivivere agli spettatori il viaggio in Italia dell’artista e la significativa tappa veronese.  Nella duplice veste di direttore d’orchestra e pianista sarà protagonista l’artista di fama internazionaleAlexander Lonquich.

Ad accompagnare gli eventi musicali, la mostra bibliografico-documentaria 1770-2020: 250 anni di Mozart a Verona nelle collezioni della Biblioteca Civica, curata da Agostino Contò e Michele Magnabosco, visitabile dal 12 dicembre al 26 gennaio.