Croce Rossa, Ortombina: «la mala-informazione crea panico ingiustificato»

L'intervista di questa mattina al presidente della Croce Rossa di Verona Alessandro Ortombina.

«I messaggi veicolati in maniera distorta hanno creato situazioni di panico ingiustificato, per un virus che in realtà è sovrapponibile all’influenza, sicuramente un po’ più aggressiva, ma non tale da motivare l’uso indiscriminato delle mascherine o lo svuotamento dei supermercati come se fossimo in tempo di guerra». Queste le parole del presidente della Croce Rossa di Verona Alessandro Ortombina, che ci ha raggiunto questa mattina in redazione.

Con l’insorgere dell’emergenza Coronavirus, l’Organizzazione ha aumentato il sistema dei trasporti e ha provveduto a dare ai volontari un’adeguata comunicazione per l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale.

«La mala-informazione ha provocato il diffondersi di psicosi, per questo una comunicazione corretta gioca un ruolo fondamentale – ha continuato Ortombina -. Invito i cittadini a restare tranquilli, mentre consiglio alle persone che hanno già delle patologie di prestare attenzione, perché il virus, così come l’influenza, potrebbe causare delle problematiche».

Secondo il presidente nelle prossime settimane ci sarà un’attenuazione dell’allerta e presto si tornerà alla normalità:«speriamo che con la riapertura delle scuole lunedì si diffonda un messaggio importante e positivo, rispetto a quanto vissuto nell’ultima settimana».