Gritti Energia, Pangrazio: «Come siamo ripartiti dopo il lockdown»

Michela Pangrazio, Front Office Specialist di Gritti Energia, ci ha raccontato come la multiutility veronese, che l'anno scorso ha festeggiato il 60esimo anniversario dalla fondazione, ha affrontato il lockdown e quali sono le azioni attuate per venire incontro alle nuove esigenze dei clienti.

«L’azienda è nata nel 1959 ad opera del Conte Gritti di Val Seriana – ci racconta Michela Pangrazio – all’inizio della sua storia si è occupata della costruzione della rete del gas metano in molti comuni veronesi come Zevio, Belfiore e Caldiero; l’anno scorso, dunque, abbiamo celebrato il 60esimo anniversario dalla sua fondazione. Parlando del presente, oggi Gritti fornisce energia elettrica certificata verde e gas a più di 100mila clienti e dispone di numerosi punti vendita in Lombardia, Piemonte e, qui in a Verona, a Albaredo d’Adige, Bovolone, Isola della Scala, Legnago, San Martino Buon Albergo e da pochi giorni anche in Piazza Chievo».

Abbiamo chiesto alla dott.ssa Pangrazio quali sono state le azioni intraprese durante i mesi più duri dell’emergenza sanitaria: «al fine di tutelare la salute dei nostri clienti e dei dipendenti abbiamo deciso di chiudere i punti vendita fino ad inizio maggio. Tuttavia, non ci siamo mai fermati, continuando a garantire il servizio attraverso il potenziamento dell’assistenza telefonica e digitale, in particolare tramite email e chat». La multiutility, inoltre, ha cercato di venire incontro alle nuove esigenze dei clienti, conseguenti alle difficoltà causate dalla pandemia, attivando «un piano di rateizzazione straordinaria – spiega – senza alcun interesse di mora e senza chiedere alcuna documentazione particolare, fidandoci semplicemente della parola del cliente. Voglio ricordare, inoltre, che abbiamo rispettato tutti gli impegni presi verso i nostri fornitori: abbiamo sempre creduto molto nel rispetto del lavoro altrui».

Parlando invece del presente, dopo aver superato il momento più complesso dell’emergenza, Gritti ha riaperto al pubblico. «Tutti i nostri punti vendita sono ora aperti al pubblico; San Martino Buon Albergo e Legnago, per il momento, sono accessibili solo su appuntamento: una misura che abbiamo deciso di adottare al fine di tutelare la sicurezza di tutti. Per fissare l’appuntamento è sufficiente chiamare il nostro numero verde, oppure scrivendoci in chat o via email».

Ma le azioni messe in campo dall’azienda per essere ancora più flessibile e rispondere al meglio alle necessità di coloro che usufruiscono dei loro servizi comprendono anche una nuova iniziativa. «Abbiamo lanciato da pochi giorni un nuovo servizio chiamato Gritti@CasaTua: chiunque può ricevere una consulenza gratuita sulla propria bolletta, sottoscrivere un nuovo contratto o attivare altri servizi, tra cui la bolletta elettronica, tramite una semplice videochiamata. Per fissare l’appuntamento, basta scegliere data e ora sul nostro sito. In questo modo, vogliamo venire incontro al cliente nei momenti per lui più comodi, anche durante la pausa pranzo, perché per ricevere gratuitamente la nostra consulenza basta aver a disposizione un pc o un altro dispositivo per effettuare la videochiamata. Il nostro obiettivo finale è sempre lo stesso: rimanere sempre vicini personalmente al cliente, mettendoci sempre la faccia».