Casa Giulietta, disposti cordoli rimovibili per gestire il flusso di turisti

Il Comune ha installato in via Cappello dei cordoli che, dalle 8 alle 17, gestiranno il flusso di turisti; ma le lunghe code che si formano non risolvono il problema sicurezza.

Finalmente è tornato in città un buon numero di visitatori: un trend che i negozianti del centro hanno accolto con gioia, vedendo specialmente nel fine settimana uno spiraglio di ripresa. Ma questo ritorno ha mostrato, negli ultimi giorni, anche un risvolto negativo, soprattutto tra i commercianti di via Cappello: durante i giorni feriali, infatti, sono parecchie le occasioni in cui le ondate di turisti si fermano davanti alla Casa di Giulietta, creando dei veri e propri assembramenti davanti alle vetrine, senza entrare nei negozi e, anzi, disincentivando proprio per questo, secondo gli esercenti, i possibili clienti. Per questo il Comune ha installato dei cordoli che, dalle 8 alle 17, dovrebbero gestire il flusso di visitatori. Una soluzione che sembra non aver risolto il problema sicurezza, a causa delle lunghe code che comunque si formano all’ingresso del sito turistico.

Il Pd ha così criticato la decisione di installare i cordoli: «aveva promesso di rilanciare la città, ma Sboarina riesce a mettere in campo soltanto soluzione di ripiego: il nuovo simbolo dell’inconsistenza di questa amministrazione sono i cordoli in via Cappello messi in campo dopo il fallimento del project financing per tentare di gestire le code al Cortile di Giulietta: ma se deve passare una ambulanza, chi si occuperà di rimuoverli?».