3 milioni di euro dal GAL per la valorizzazione del territorio

<b>Ammontano a oltre 3 milioni di euro i finanziamenti che il GAL Baldo Lessinia erogherà a seguito della graduatoria regionale emessa da Avepa,</b> ente della Regione Veneto per i pagamenti in agricoltura, in relazione alla Misura 323/a azioni 2, 3 e 4, per il recupero del patrimonio storico-architettonico del territorio, il cui bando è stato aperto il 28 settembre e chiuso il 27 novembre 2012.<b> A questa somma vanno ad aggiungersi circa 4 milioni di euro per interventi in fase di realizzazione</b>, sempre in relazione al Piano di Sviluppo Locale (PSL) 2007-2013.
In particolare, per la Misura 323/a azioni 2, 3 e 4 saranno stati assegnati 950mila euro a 19 domande accolte e finanziate per l’azione 2 relativa al recupero, riqualificazione e valorizzazione del patrimonio storico-architettonico rivolto a imprenditori agricoli, persone fisiche, persone giuridiche, enti pubblici e Onlus.

<b>Gli interventi possibili per effettuare la domanda riguardano la manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo di strutture, immobili e fabbricati e, nei casi di ricostruzione di fabbricati crollati, la ristrutturazione edilizia.</b>
A 15 domande accolte saranno destinati 976mila euro per l’azione 3 relativa alla valorizzazione e qualificazione del paesaggio rurale da parte degli enti pubblici. Gli interventi possibili per essere ammessi sono ripristino e recupero di elementi tipici e caratteristici del paesaggio rurale e di manufatti (es. viabilità storica, muretti a secco e terrazzamenti, capitelli, fonti, ecc).

<b>Infine, 1.099.381,5 euro saranno destinati a 15 domande accolte per l’azione 4 relativa a interventi per la valorizzazione culturale delle aree rurali. I beneficiari sono enti pubblici, associazioni tra soggetti pubblici e privati. </b>Gli interventi riguardano la manutenzione straordinaria, il restauro e risanamento conservativo di strutture e immobili, dotazioni e attività informative.

<b>“Siamo soddisfatti di quanto fin’ora fatto – ammette Stefano Marcolini, presidente del GAL Baldo Lessinia – Abbiamo, infatti, impegnato il 92% di spesa, percentuale di molto superiore a quanto richiesto dalla Regione Veneto, con ben oltre un anno di anticipo rispetto alla chiusura del programma dalla Regione stessa».</b> «I bandi pubblicati nell’ultimo trimestre dello scorso anno – aggiunge il presidente – sono andati tutti bene ma in particolare proprio la misura 323/a azioni 2, 3, 4 per cui sono arrivate moltissime domande sia da parte di amministrazioni pubbliche che di privati cittadini tanto che il Cda precedente ha destinato un ulteriore milione di euro delle somme non assegnate proprio a questa misura la cui somma ammontava a 2 milioni di euro». “Ci auguriamo – conclude Marcolini – che se ci saranno delle economie da tutti gli altri bandi, la Regione Veneto ci indichi come assegnatari di un contributo aggiuntivo che ci consentirà di finanziarie le domande escluse».

<b>La Redazione</b>