Presentato il progetto Sapori di Accessibilità

E’ stato presentato oggi, presso la sede Cisl in Lungadige Galtarossa 22/D a Verona, “Sapori di Accessibilità”, un progetto nato in seno all’Associazione VeronaExpo che si articolerà nel mese di Aprile in un serie di iniziative inerenti al tema del turismo accessibile e dell’accoglienza. La manifestazione, che si svilupperà dal 12 al 25 Aprile prossimi, ha coinvolto nelle fasi organizzative ben sei realtà impegnate nei settori turistico, sociale e sanitario. La sinergia nello specifico si è sviluppata fra: Associazione Amente Libera, Assoguide Verona, Cooperative Azalea, Associazione Dismappa, Omnia Impresa Sociale e Progetto Yeah. Durante la conferenza sono stati illustrati i principali obiettivi dei soci promotori: sviluppare una rete locale allargata di soggetti che operano negli ambiti del turismo accessibile e dell’accoglienza; sensibilizzare il territorio veronese sui suddetti temi e valorizzare le specificità culturali e produttive tipiche della nostra città.

Per riuscirci il Progetto Sapori di Accessibilità ha già strutturato un interessante programma di eventi. Si partirà formalmente domenica 12 aprile con un tour guidato in bicicletta e in tandem su percorsi sensoriali per le vie di Verona, per proseguire in Piazza Brà con l’esposizione di tandem e riscio’ accessibili venerdì 17 Aprile e con il convegno in ateneo “Il turismo accessibile a Verona fa rete” di sabato 18 Aprile.

Il cuore dell’iniziativa comunque si svolgerà dal 16 al 19 Aprile in Piazza Brà, durante la manifestazione Le Piazze dei Sapori. Nell’occasione Sapori di Accessibilità sarà presente con uno stand informativo, dove verrà distribuito materiale divulgativo e di sensibilizzazione delle varie realtà associate. Nell’ultima giornata di Piazze dei Sapori ci sarà anche l’opportunità di iscriversi a tour guidati accessibili per persone con disabilità visive (ipovedenti e cieche), uditive e motorie (in carrozzina). L’ultimo evento di cartello infine sarà il “Raduno per la Liberazione delle Barriere” di sabato 25 Aprile, con partenza sempre da Piazza Bra’. Qui persone disabili, e non, affronteranno insieme un percorso con la sedia a rotelle per controllare e valutare lo stato di accessibilità della nostra città. Queste infine le dichiarazioni dei relatori presenti alla conferenza stampa.

Matteo Scolari (Presidente VeronaExpo): “Sapori di accessibilità rappresenta un unicum nel panorama nazionale. E’ un progetto che abbina eventi di sensibilizzazione a iniziative concrete per iniziare finalmente a pensare a un turismo globale e per tutti”.

Massimo Castellani (Ust Cisl Verona): “Siamo orgogliosi di ospitare questa presentazione nella nostra sede. Il progetto Sapori di Accessibilità si allinea pienamente ai valori aziendali CISL, promuovendo al contempo il dono della sinergia. L’iniziativa è sicuramente da sottolineare”.

Luigi Bombieri (Segretario Pensionati CISL Verona): “Il turismo accessibile è utile in ogni declinazione. Anche la terza età può ricavare occasioni di svago e di sollievo dall’umanità di questo progetto”.

Pierluigi Curti (Rotary Club Verona Est): “Il progetto Sapori di Accessibilità può arrecare indubbi benefici all’intera comunità. Noi di Rotary Club crediamo fortemente in queste linee guida. La mappabilità del territorio, ad esempio, è un tema che da tempo annoveriamo fra le nostre attività. Era perciò giusto sostenere questa causa”.

Alessandro Torluccio (Confesercenti Verona): “Il turismo accessibile è un tassello chiave per la valorizzazione del territorio. La manifestazione “Piazza dei Sapori” ha accolto quindi con grande favore questa proposta. Sapori di Accessibilità può essere l’avvio di un percorso di crescita su questa tematica”.

Sofia Righetti (Madrina del Progetto): “La disabilità è una caratteristica che diventa svantaggio solamente quando c’è un ambiente incapace di accoglierla. Il progetto Sapori di Accessibilità deve servire come traino per il turismo accessibile. Ogni anno, in Europa, 36 milioni di potenziali clienti turistici non possono viaggiare causa l’arretratezza delle barriere architettoniche italiane. E’ necessaria una sterzata”.

Anna Corradini (Presidente AMEnte libera): “L’accoglienza e l’ospitalità sono temi cardine dei nostri tempi. La nostra città dovrà necessariamente adeguarsi nei prossimi anni. Sapori di Accessibilità può costituire, in tal senso, una svolta importante. Il turismo accessibile deve essere in cima alla lista delle priorità”.

La redazione