Lezioni sulla deportazione per gli studenti veronesi

In occasione del 70° anniversario della Liberazione, che si celebrerà domani 25 aprile, la sezione veronese dell’Associazione nazionale ex deportati, insieme al Comune, all’Ufficio Scolastico Provinciale e all’Università di Verona,ha deciso di avviare per il prossimo anno scolastico il progetto “Lezioni sulla deportazione".

Il percorso di studio e riflessione rivolto a studenti delle ultime classi delle superiori e del biennio universitario bold, è stato presentato ieri mattina in sala Arazzi dall’assessore al Bilancio Pierluigi Paloschi, insieme alla vicepresidente dell’Aned Tiziana Valpiana. Erano presenti il direttore del corso Maurizio Zangarini, il direttore del dipartimento TeSis dell’Università di Verona Gian Paolo Romagnani, il dirigente dell’Ufficio scolastico regionale del Veneto Stefano Quaglia e il docente di Sociologia dei processi culturali Lorenzo Migliorati.

L’obiettivo del corso sarà quello di fornire agli studenti interessati conoscenze specifiche relative alla deportazione, anche in vista di un viaggio formativo in un campo di concentramento, grazie alle borse di studio messe a disposizione da Aned. Il ciclo di lezioni, che darà diritto a crediti formativi, avrà come tematiche la politica della deportazione in Germania e in Italia; l’antisemitismo in Europa; i campi di concentramento; il mito dell’italiano brava gente; la deportazione per motivi politici, sessuali, religiosi, etnici, razziali; gli Imi; la raccolta, conservazione delle fonti e dei materiali storici.

La redazione