Incidente aereo in Gallura, morti due veronesi

ultraleggero

Sono Franco Castagna, titolare dell’azienda di anticendi omonima, e Marica Magrini, titolare di un hotel di Borgo Roma. Entrambi erano piloti esperti

Doveva essere uno splendido weekend in Sardegna quello di Franco Castagna, titolare dell’azienda veronese di prevenzione incendi omonima e dell’amica Marica Magrini, anche lei di Verona, titolare di un albergo in Borgo Roma. Invece per Franco e Marica quello di ieri è stato l’ultimo giorno di vita.

Entrambi, piloti esperti, iscritti al club di volo di Verona, sono rimasti vittime dello schianto dell’ultraleggero, un Corvus RG 60, che per cause ancora da accertare, è precipitato a terra ieri mattina a poca distanza dall’aviosuperficie di Costa Paradiso, in Gallura, dove sarebbe dovuto atterrare.

I due erano partiti poche ore prima da Casalino, a Isola Rizza, assieme ad altri due amici che viaggiavano a bordo di un altro ultraleggero condotto da Walter Rosini, esperto pilota di aerei anch’egli. Rosini ha raccontato agli inquirenti di aver visto l’aereo di Castagna avvitarsi su se stesso a 100 metri dalla pista di Costa Paradiso, per poi schiantarsi al suolo.

ultraleggero-schianto

«Ha salutato il marito la mattina presto, contentissima, prima di prendere l’aereo che l’avrebbe dovuta portare in Sardegna per una gita assieme agli amici del club volo di Verona» ha riferito all’Ansa Morena Magrini, la sorella di Marica, una delle due vittime.

Incredula la moglie di Franco Castagna, Patrizia Patti, che ieri ha saputo della notizia al telegiornale, per poi avere la conferma dai Carabinieri che l’hanno raggiunta a casa. I due coniugi Castagna, oltre che essere marito e moglie, si conoscevano fin da giovani e avevano fondato assieme l’azienda di famiglia. Franco lascia due figli, Claudio di trent’anni e Sofia di 26.