Elezioni per il Consorzio di Bonifica Adige Euganeo

Si terranno domenica 14 dicembre le votazioni per le elezioni dei 20 membri dell’Assemblea del Consorzio di Bonifica Adige Euganeo. Il primo atto del procedimento elettorale, prevede l’approvazione dell’Elenco Provvisorio degli aventi diritto al voto e delle fasce di contribuenza, fissata entro il 9 Settembre 2014. L’esito sarà altresì pubblicato sul sito web dell’Ente.

<italic>Cos’è e come opera il Consorzio…</italic>

Il Consorzio di Bonifica Adige Euganeo è stato costituito nel 2009, a margine del raggruppamento fra l’ex <italic>Conzorzio Euganeo di Este</italic> e il <italic>Conzorzio Adige Bacchiglione di Conselve</italic>. Esercita da allora le sue competenze su di un territorio che si dimostra particolarmente delicato in materia idraulica. Infatti, per un verso la presenza dei Colli Euganei con rii torrentizi e la soggiacenza al livello del mare di circa il 18% del territorio consorziale, configurano criticità non secondarie; e per un altro le deficienze di portata del Fiume Fratta-Gorzone in occasione delle piene, nonché lo sbocco nella Laguna di Venezia con il 60% delle acque veicolate dal Consorzio (fortemente condizionato dalla variabilità delle maree) sono aspetti problematici – che nel compromettere un efficace deflusso delle acque – impongo un livello d’attenzione e monitoraggio sempre elevati.

Gli inteventi del Consorzio sono dettati chiaramente dalla presenza di canali e fiumi arginati, le cui acque sono per lunghi tratti pensili rispetto ai territori attraversati; ma gran parte delle criticità si sommano al pregresso intervento inadeguato dell’uomo su di un territorio che progressivamente è sottoposto ad una erosione del suolo, modifica delle tecniche colturali e correlate trasformazioni antropiche irrispettose degli assetti geologici.

I cambiamenti climatici, con eventi di pioggia più intensi e compattati in un breve periodo, in sostanza, operano in maniera congiunturale ad una deficitaria politica di salvaguardia e manutenzione delle infrastrutture di scolo e manufatti di irrigazione.

A queste difficoltà e criticità, una risposta di pianificazione e azione effettiva è costituita dall’attività del Consorzio. Anzitutto, operando alla quotidiana manutenzione delle opere e delle infrastrutture di bonifica e di irrigazione, e dunque nella costante sorveglianza del territorio in collaborazione attiva con gli Enti Locali.

Il Consorzio assume perciò i tratti di un importante presidio territoriale per lo sviluppo sociale e economico, con un ruolo di prim’ordine nella tutela dell’ambiente e dell’equilibrio idro-geologico.

<italic>Comprensorio e attività…</italic>

Il Consorzio di Bonifica Adige Euganeo opera istituzionalmente su un territorio avente una superficie di 119.207 ettari, ossia fra le Province di Padova, Verona, Venezia e Vicenza.

I confini comprensoriali sono costituiti da barriere naturali quali, a Nord le pendici dei Monti Berici, dei Colli Euganei e dal Fiume Bacchiglione; a Est dalla confluenza dei fiumi Brenta-Gorzone, a Sud dai Fiumi Adige e Gorzone, e infine a Ovest dal Fiume Fratta.

Con un organico di 112 dipendenti fissi, integrati da 30 operai avventizi stagionali occupati in genere da marzo a novembre, il Consorzio ha un proprio sistema di telerilevamento e telecontrollo degli Impianti idrovori principali; il che permette di avere in tempo reale dati conoscitivi delle situazioni in essere nei vari punti critici del territorio.

Il Consorzio esegue direttamente con il proprio personale e con la propria dotazione di mezzi le attività di manutenzione; mentre il ricorso a Ditte esterne è limitato all’acquisto di materiali.

Infine, è attivo un servizio di reperibilità d’emergenza che consente di far operare – entro breve tempo – una squadra di operai per l’esecuzione di interventi urgenti o per manovre di impianti o organi di regolazione 365 giorno l’anno.

La Redazione