A Verona sette persone fermate per accattonaggio

La Polizia municipale di Verona ha effettuato questa mattina un servizio contro l’accattonaggio in città. Fermate sette persone straniere, cinque uomini e due donne, che sono state accompagnate al Comando di via del Pontiere per accertamenti.

Una di loro, una 19enne fermata in via Golino, con precedenti per attività analoghe, chiedeva l’elemosina mostrando un cartello contenente l’immagine di un bambino, nel tentativo di impietosire i passanti facendo credere che suo figlio Alexander fosse malato di leucemia ed avesse urgente bisogno di un trattamento molto costoso.

Interrogata dagli agenti la donna, che era in possesso di altri due cartelloni plastificati di grande formato, ha però dichiarato di non conoscere il bambino. Inoltre, dagli accertamenti nelle banche dati del Comando, è emerso che due dei fermati oggi erano stati fermati in precedenza molte altre volte, sempre per analoghe attività, tanto da avere accumulato rispettivamente 140 e 90 sanzioni.

A carico di tutte e sette le persone fermate è stata accertata la violazione alle norme del regolamento di Polizia urbana contro l’accattonaggio.

La Redazione