Veronetta, la risposta delle associazioni all’arrivo di Forza Nuova

Apre a Verona il 22 dicembre la Casa dei Patrioti, la nuova “non sede” di varie associazioni legate al movimento Forza Nuova (Solidarietà Nazionale, l’associazione Evita Peron, il sindacato SINLAI, la testata Ordine Futuro). E per la stessa data sembra confermata nella sede di CasaPound in Via Mazza la presenza del suo presidente Gianluca Iannone.

Una giornata di tensione, resa più acuta dal riserbo del movimento neofascista attorno al domicilio prescelto. Nel quartiere di Veronetta – unico riferimento noto ad oggi-  l’agitazione è palpabile. La zona è infatti tradizionalmente multietnica e inclusiva, sede di molte associazioni di avviso – se non di orientamento politico – opposto rispetto ai forzanovisti. E circola in questi giorni la comunicazione lanciata dai  movimenti “antifascisti, antirazziali e femministi di Verona” a tutti i cittadini di Verona ad occupare lo spazio pubblico del caseggiato.

A partire dal mattino, le sedi di varie associazioni rimarranno aperte, a testimoniare la volontà di accoglienza e di apertura all’altro, in antitesi al messaggio sotteso alla presenza del movimento di estrema destra. E dalle ore 15:00 partirà da Piazza Santa Toscana la manifestazione che coinvolgerà diverse realtà della società civile, per promuovere azioni in tutto il quartiere.