Verona e Amatrice, unite dalla solidarietà

Si terrà sabato 29 e domenica 30 settembre, nel cuore di Verona, la manifestazione benefica “Verona per il Centro Italia”, l’evento dedicato alla raccolta fondi per le persone colpite dal terremoto di due anni fa, soprattutto ad Amatrice. La due giorni è organizzata dal contenitore culturale Box336am ed è stata presentata stamattina in Sala Arazzi.

Sarà una due giorni di cultura, buon cibo e solidarietà. Il prossimo weekend torna, in piazza San Zeno, “Verona per il Centro Italia”, la manifestazione che l’anno scorso ha raccolto più di 25 mila euro per i terremotati di Amatrice.

Sabato 29 e domenica 30 settembre, dalle 12.30 alle 23.30, più di 30 associazioni, riunite nel contenitore culturale Box336am (erano infatti le 3 e 36 minuti di notte quando è stata registrata la prima scossa), porteranno in piazza spettacoli, musica e arti performative, il tutto impreziosito dalla degustazione della famosa amatriciana in “versione veronese”, con una particolare ricetta che rappresenta anch’essa una sorta di gemellaggio tra Verona e le zone colpite dal sisma.

Con il ricavato dello scorso anno è stato indetto un bando internazionale di idee per la selezione del miglior progetto funzionale e creativo, un box modulare, progettato per potersi adattare a qualsiasi luogo e diventare lo spazio fisico per produrre ed ospitare cultura (ludoteca, sala prove, libreria, laboratorio, cinema). La struttura è in fase di realizzazione. Nel frattempo sono state selezionate le 3 associazioni che lo riceveranno in dono, e che saranno presenti durante la manifestazione, più altre 2 realtà che verranno aiutate con altre formule.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina in sala Arazzi dall’assessore alle Manifestazioni Filippo Rando, insieme al consigliere comunale Andrea Velardi, dalla presidente di Box336 Ginevra Gadioli, dal referente del Canoa Club Verona Luigi Spellimi e dal rappresentante del Teatro Scientifico Laboratorio Roberto Vandelli.

“Iniziative come queste sono importanti non solo perché permettono di raccogliere fondi a favore di chi ne ha più bisogno – ha detto Rando -, ma anche perché tengono alta l’attenzione su alcune problematiche, purtroppo ancora attuali visto che tanti terremotati vivono tuttora in situazioni di forte disagio”.

L’ingresso sarà libero e la raccolta fondi avverrà tramite la vendita di cibo e bevande, oltre a donazioni spontanee. È possibile, infatti, effettuare un’offerta tramite Paypal, nelle modalità indicate sul sito www.box336am.orgo mediante bonifico bancario intestato a Progetto box336am – IBAN: IT46-O-05034-11711-000000007428 – Causale: box336am.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.