Sisma in Abruzzo, da Verona ancora aiuti

A dieci anni da terremoto a L’Aquila, sabato 25 maggio a Montorio c’è un pranzo per raccogliere fondi da destinare alla città abruzzese. Per l’occasione, canterà il coro degli Alpini di Borgo Venezia.

Sono passati dieci anni da quel 6 aprile 2009, quando alle 3.32 di quella notte tutto a L’Aquila venne raso al suolo dal terremoto. Da allora anche da Verona partirono gli aiuti, con uomini della Protezione Civile, gli alpini, e via dicendo, ma anche aiuti a distanza. Il comune di Verona raccolse 1 milione di euro, soldi con cui sono state costruite 16 casette in cemento armato per gli sfollati, che tutt’ora versano in buono stato. L’assessore al Decentramento Marco Padovani all’epoca era in giunta con delega alla Protezione Civile e ricorda bene quel momento.

Superata l’emergenza abitativa, sono ancora molte le difficoltà a livello sociale; nei comuni abruzzesi mancano luoghi di aggregazione e di incontro, oltre a strutture a servizio della comunità e delle sue esigenze. Per questo, il Comune promuove un pranzo e una raccolta fondi per un piccolo borgo in provincia dell’Aquila.

L’appuntamento è per sabato 25 maggio, alle 12 al Circolo 1° Maggio di Montorio, con il pranzo preparato dai gruppi alpini di Verona, che lo allieteranno con i loro canti.
L’iniziativa è organizzata dall’associazione Logos, con il fondamentale contributo dei Gruppi Alpini di Borgo Venezia e Buttapietra.
Il costo per partecipare al pranzo è di 18 euro. Le prenotazioni si possono effettuare via mail alla casella di posta clelia@comunicazionelogos.com, oppure contattando i numeri 347-7413705  e 328-8192712.
Ulteriori informazioni sul sito www.comunicazionelogos.com.