Iniziata anche a Verona la raccolta di occhiali usati per i meno fortunati

Catalogarli, rigenerarli e inviarli all’altro capo del mondo, ma anche nel nostro territorio, per donare una vita migliore a chi è in gravi difficoltà economiche. È partita a pieno ritmo la raccolta di occhiali usati in 50 farmacie aderenti a Federfarma Verona di tutta la provincia (lista completa nel sito www.federfarmaverona.it) in collaborazione con i Lions International. Si tratta di una iniziativa di caratura mondiale che senza l’impegno del singolo cittadino e il suo gesto di solidarietà non potrebbe esistere.

Partecipare è semplice. Basta entrare in farmacia e donare un paio di occhiali, anche da bambino, che non si usano più ponendoli nell’apposito contenitore. Da quel momento la vita di questo importante presidio medico riceverà un nuovo impulso grazie alla sterilizzazione e alla sostituzione di tutte le parti usurate per essere spedito in Sud America, Africa, Estremo Oriente o Est Europeo e contribuire, con la realizzazione di nuove lenti a donare speranza, migliorando la qualità di vita di molti pazienti.

Federfarma in questo modo incrementa il suo raggio d’azione nella lotta agli sprechi e nella tutela della salute e dell’ambiente che la vede impegnata in numerose iniziative di carattere socio sanitario. Prima fra tutte il progetto R.E.B.U.S. mirato al riutilizzo di prodotti che la farmacia dona alla collettività affinché siano fruiti prima della loro scadenza, ma anche la raccolta dei farmaci inutilizzati che rientrano nel circuito della distribuzione per essere fruiti dalle persone meno abbienti. Si tratta di una circuito virtuoso che vede protagoniste le farmacie di Federfarma operanti in forma volontaristica e associazioni no profit. La farmacia diventa in questo modo il luogo della sensibilizzazione affinché il cittadino possa partecipare attivamente al recupero delle eccedenze garantendo il concreto utilizzo di prodotti e presidi sanitari che altrimenti andrebbero irrimediabilmente perduti.

«Le farmacie aprono le porte ad un grande appuntamento sociale come la raccolta di occhiali usati legato al mondo della salute del cittadino, anche quello molto lontano da qui – dice Gian Battista Neri, consigliere Federfarma Verona e referente del progetto -. Per questo motivo abbiamo voluto partecipare nuovamente e molto numerosi a questa campagna di raccolta che ci aveva visti già impegnati un decennio fa. La farmacia non solo riceve e posiziona il contenitore, ma parla con gli utenti spiegando la validità del progetto sanitario invitandoli a riflettere sul valore della preziosa donazione».

«La disponibilità dei farmacisti e la generosità dei veronesi per la donazione di occhiali da vista e da sole sono fondamentali per moltissime persone che non possono permettersi nulla – dice Carlo Vivian, officer service “Raccolta occhiali usati” del distretto Lions di Verona-Vicenza-Trento-Bolzano -. Grande valore curativo e preventivo rivestono anche le lenti da sole non graduate necessarie per schermare i potenti raggi tropico-equatoriali causa di numerose patologie degenerative. Negli anni sono state tante migliaia le persone aiutate grazie da questa grande catena umanitaria che gode della massima trasparenza e avviene senza alcuno scopo di lucro e oggi con il nuovo incentivo dato da tante farmacie le previsioni di raccolta sono più rosee. Da qualche tempo il circuito della raccolta opera anche in favore dei residenti locali. Purtroppo ci sono tante persone anche a Verona che non hanno i soldi per comperare gli occhiali e tutti insieme possiamo aiutarle anche grazie alle donazioni dei privati».

«È massiccia la partecipazione delle farmacie veronesi alla nostra iniziativa e ringrazio tutti i farmacisti che donano disponibilità logistica e impegno quotidiano alla raccolta – dice Paolo Colombo, collaboratore Service “Raccolta occhiali usati” Lions per la zona di Verona -. La capillarità di questi primari presidi sanitari fa sì che l’utente possa avere accessibilità all’iniziativa umanitaria nell’intero territorio provinciale. Ringrazio anche i giovani del Club Leo che si rendono disponibili alla  gestione delle cassettine porta occhiali dalla consegna alla raccolta periodica in farmacia».