Il 9 febbraio Giornata della raccolta del farmaco per i bisognosi

“Dobbiamo sempre più portare avanti l’accesso alla salute e alla spesa farmaceutica, dato che nemmeno il Veneto è immune da sacche di povertà e da persone anziane che non riescono a curarsi.” È il commento dell’assessore alla Sanità e ai Servizi Sociali Manuela Lanzarin alla conferenza stampa di presentazione della 19^ Giornata di Raccolta del Farmaco promossa dal Banco Farmaceutico per sabato 9 febbraio.

L’iniziativa di solidarietà vuole promuovere in tutta Italia, nelle farmacie che esporranno la locandina, l’acquisto di uno o più farmaci da banco da donare alle persone indigenti.  Il Veneto partecipa con grande impegno e punta, come nelle annate precedenti, a risultare tra le regioni più generose: in 450 farmacie aderenti chi lo desidererà potrà acquistare uno o più di questi medicinali che saranno consegnati direttamente ad Enti assistenziali convenzionati con Banco Farmaceutico e distribuiti alle persone indigenti.

“I farmacisti – ha sottolineato Alberto Fontanesi, presidente di Federfarma Veneto – non sono solo promotori ma i primi coinvolti in questa operazione benefica. In questo sabato mettono a disposizione gratuitamente loro stessi ed il personale delle farmacie e non guadagnano nulla. Per aderire all’iniziativa, solo nella nostra regione versano complessivamente circa 70.000 euro.”

“L’anno scorso uno su due dei veneti entrati in farmacia ha donato almeno un farmaco – ha dichiarato Matteo Vanzan, responsabile di Banco Farmaceutico per il Veneto – Il dono di un medicinale da banco è il primo anello di una grande catena di solidarietà fatta da farmacisti, volontari, donatori ed enti assistenziali, che permette di far giungere quel medicinale ad una persona ammalata che non è in grado di poterlo acquistare. Ogni anno, confidiamo nella generosità della gente e non ne siamo mai delusi.”

 

 

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.