Da oggi tre defibrillatori sui taxi veronesi

Consegnati questa mattina presso la sala riunioni della Centrale Operativa SUEM 118 di Borgo Roma, i primi tre defibrillatori che saranno a bordo di altrettanti taxi veronesi. I dispositivi, forniti in comodato d’uso gratuito all’Unione Radiotaxi Verona da parte della Centrale Operativa SUEM 118, serviranno a supportare il lavoro quotidiano del 118 e saranno attivabili dalla centrale operativa tramite accordo con la Centrale Radiotaxi.

 

Si tratta di un primo step di un progetto iniziato con la formazione di una cinquantina di tassisti nelle manovre di BLSD e abilitati all’utilizzo del DAE. In futuro saranno forniti anche altri dispositivi provenienti sempre dalla Regione con la finalità di avere sul territorio TAXI con DAE attivabili dalla Centrale Operativa tramite accordo con la Centrale Radiotaxi.

A dare il via al progetto, l’iniziativa “Anche i Taxi hanno un cuore”, promossa dal Presidente di Unione Radiotaxi Verona Mirco Grigolato, che grazie alla collaborazione del socio ed ex consigliere Daniele Garonzi ha dato inizio ai corsi per l’utilizzo del DAE, promossi da Centro Formazione della Croce Bianca coordinato da Michele Bonetti.

Con questo progetto Radiotaxi andrà a supportare il 118 che svolge un importante lavoro di emergenza gestito quotidianamente: la capillarità dei taxi che si trovano su tutto il territorio cittadino e dintorni, infatti, potrebbe essere di grande aiuto per tutta la popolazione, un servizio gratuito con un grande valore umanitario.

Superata una prima fase di test le due centrali Radiotaxi e 118 entreranno in contatto costante per rendere più rapidi ed efficaci gli interventi.