Da seduti si può giocare (anche a basket)

Domenica 25 novembre all’Agsm Forum la partita tra Tezenis Verona e Bondi Ferrara si potrà vedere gratis, ma solo se si è disposti, per un pomeriggio, a vestire i panni di una persona affetta da disabilità. Torna la seconda edizione dell’iniziativa si sensibilizzazione “Seduti si può”, presentata stamane in comune dall’assessore allo Sport Filippo Rando. Presenti anche il presidente U.S. Acli Giuseppe Biasi, il referente del movimento “La Skarrozzata” Giacomo Benanzioli e il general manager della Scaligera Basket Daniele Della Fiori.

Quella di domenica non sarà una partita di basket come tutte le altre. In occasione del match tra Tezenis Verona e Bondi Ferrara il prossimo 25 novembre all’Agsm Forum si svolgerà infatti una sfida parallela, quella lanciata dalla seconda edizione dell’iniziativa “Seduti si può”, organizzata dall’U.S.Acli Verona. Un appuntamento con un duplice obiettivo: sensibilizzare i normodotati e promuovere l’inclusione sociale delle persone con disabilità. E così, tutti coloro che accetteranno la sfida, potranno entrare gratuitamente alla partita ed assistere all’evento, passando però tutto il pomeriggio sulla carrozzina.

Durante l’intervallo della partita gli atleti paralimpici dell’Olympic Basket proporranno anche un’esibizione di tiro a canestro. L’iniziativa è promossa da U.S.Acli Verona in collaborazione con l’Olympic Basket Verona, la Scaligera Basket e il movimento La Skarrozzata, con il patrocinio del Comune e di Agsm.

Per partecipare basta iscriversi inviando una e-mail all’indirizzo skarrozzatavr@gmail.com. La prenotazione è necessaria per consentire all’Ortopedica Scaligera di fornire un numero adeguato di sedie a rotelle.

“È un evento che unisce la voglia di fare sport allo stare insieme, al fine di stimolare le persone con disabilità ad uscire di casa e a praticare qualche disciplina – ha spiegato Rando – I cittadini avranno la possibilità di mettersi in gioco e condividere un’esperienza unica insieme agli atleti paralimpici, per comprendere che anche la sedia a rotelle è un mezzo per fare sport. Un ringraziamento alla Scaligera Basket per la sua vicinanza al territorio e la sensibilità dimostrata”.

Guarda il servizio: