Da Cerro Veronese al Nilo, la storia del missionario Don Angelo Vinco

A Cerro Veronese si festeggiano i duecento anni dalla nascita di Don Angelo Vinco, geofrafo, esploratore, sacerdotre, ma in primis missionario veronese che fu il primo ad iniziare l’attività di cristianizzazione dell’Africa Centrale. Si parte sabato 1 giugno con la proiezione di un lungometraggio prodotto dalla Scuola Secondaria di primo grado di Cerro

Sono duecento anni esatti oggi dalla nascita dell’esploratore, sacerdote e missionario Don Angelo Vinco, nato il 29 maggio 1819 in contrada Lavello. Un personaggio che si è distinto per essere stato il primo ad iniziare l’attività di cristianizzazione dell’Africa Centrale, tracciando ponti culturali che proseguono ancora oggi.

Ci saranno quindi  incontri con esperti, concerti di musica africana nelle contrade di Cerro e in piazza, poi ancora proiezioni di film del Festival di Cinema Africano.

Un’occasione per vedere l’Africa sulle vette di Verona.

Si parte con la prima serata il 1 giugno, con la proiezione di un docu-film realizzato dagli studenti della Scuola Secondaria di primo grado di Cerro, assieme agli insegnanti: montaggio e suoni Savio e Lonardi, ricerca fonti storico-geografica Cona Bonacoscia con le classi seconde, disegni e proverbi Moscatelli con le classi prime e gli approfondimenti sull’attualità Silvestri e Lampo con la classe terza.