Lupo in Lessinia: allevatori sul piede di guerra

Le predazioni sempre maggiori, i danni incalcolabili. Se ne è parlato sabato in occasione della Festa Tradizionale della Podestaria.

Lupo e alpeggio in Lessinia non possono coesistere. A dirlo in coro sono i sindaci delle zone montane, il consigliere regionale Stefano Valdegamberi, le associazioni di categoria e tutti gli allevatori che hanno partecipato anche quest’anno alla festa tradizionale della Podestaria, che si è svolta sabato mattina in prossimità dell’omonimo rifugio in alta Lessinia.

Si spezza proprio quel giorno la continuità secolare del bestiame portato a sfilare per poi essere valutato e premiato; già perchè stanchi delle continue predazioni, gli allevatori di malga si sono presentati di comune accordo con i mezzi vuoti.

Sui trattori rimane il silenzio delle fotografie che documentano la strage di bestiame ad opera dei branchi di lupi.

 

Guarda il servizio di Tv7 Verona Network