Giornata mondiale del sonno: quando dormire è importante

Tutti in piazza per la Giornata mondiale del sonno. La ricorrenza, che si celebra domani, a Verona sarà festeggiata domenica 18 marzo in  Piazza Bra dalle 9 alle 14, dove il responsabile del Centro di Medicina del sonno di Negrar, Gianluca Rossato, parlerà anche dei disturbi che impediscono a molti giovani di dormire.

Il sonno è fondamentale per l’uomo e i disturbi che lo alterano sono sempre più frequenti, soprattutto tra i giovani. Domenica 18 marzo si parlerà proprio di questo nel corso dell’incontro organizzato dal Centro di Medicina del sonno dell’ospedale Sacro Cuore Don Calabria in collaborazione con l’associazione InFormaSonno.

L’appuntamento, previsto dalle 9 alle 14 in piazza Bra, si inserisce nell’ambito della Giornata mondiale del sonno, ideata dalla World Sleep Society, che si festeggia domani, 16 marzo. Nel corso dell’incontro il dottor Gianluca Rossato, responsabile del Centro di Negrar, e alcuni collaboratori saranno a disposizione per rispondere alle domande e distribuire materiale informativo.

Al centro del dibattito sarà il ritmo circadiano sonno-veglia nei più giovani che, a causa dell’esposizione prolungata alla luce di tablet, smartphone e computer, faticano ad addormentarsi e vengono “deprivati” del sonno. Un disturbo, questo, che può essere curato solamente con una modifica al bioritmo dei ragazzi che spesso, a causa del mancato riposo, presentano gravi problemi di apprendimento e disturbi dell’umore.