Natale Pantheon: auguri e tante novità per il 2017

Una festa ben riuscita e sicuramente intensa dal punto di vista emotivo quella che si è svolta ieri sera nella splendida cornice di Villa Arvedi, a Grezzana.

Pantheon Magazine, organizzatore dell’evento assieme a una decina di realtà nate in questi anni sul territorio della Valpantena e della Lessinia, ha presentato le novità del 2017, tra cui quella importante che vede il là, proprio in questi giorni, di una collaborazione con Gruppo TV7, storica emittente televisiva con sede a Padova che trasmette su quattro canali digitali, in primis sul canale 12.

È stato proprio il direttore del Magazine di Verona, Matteo Scolari, a spiegare davanti ai tanti ospiti invitati per l’occasione, tra cui lettori, partner, inserzionisti e distributori del giornale, i dettagli di un’operazione che punta prima di tutto a dare maggiore visibilità alle eccellenze di Verona e provincia, ampliando il bacino di potenziali persone raggiunte nella nostra città, dalle attuali 50mila alle 100mila nell’arco di pochi mesi con l’introduzione, appunto, del canale televisivo.

Scolari ha ricordato anche l’importanza della rete dei “veronesi protagonisti” Verona Network, che con i suoi oltre 60 soci, in questo 2016, dopo aver animato l’anno prima la città con le attività di Expo, ha contribuito ad alimentare il dialogo costruttivo in città e sul territorio per mezzo degli appuntamenti tematici mensili previsti dalla Carta di Verona.

Ma la serata di ieri è stata l’occasione per festeggiare anche i dieci anni di vita dell’Associazione Innoval, nata il 14 dicembre 2006 in una taverna di Grezzana grazie alla volontà di alcuni amici imprenditori che avevano il desiderio di condividere idee di impresa e know-how in un momento in cui l’odore della crisi iniziava ad aleggiare nell’aria. Ed è stato il presidente dell’associazione, Ivano Ferrari, a ricordare come Innoval sia stata la matrice di tantissime iniziative giovani e innovative nate sul territorio e nella quale molti ragazzi (anche attraverso Innoval Young) hanno potuto trovare un appoggio morale e di conoscenza per poter iniziare a costruire i propri sogni.

Presente anche l’amministrazione comunale di Grezzana con il vicesindaco Plinio Menegalli che ha ricordato come il comune e, in senso lato, il territorio della Valpantena e della Lessinia, abbiano bisogno della visibilità e della progettualità emerse in questi anni.

Parola poi a Roberto Udali, presidente della Cooperativa fotovoltaica Energyland, nata nel 2011 a Orsara di Lugo. Un primo esempio a Verona di impianto fotovoltaico da 1 MWh condiviso da oltre un centinaio di famiglie che per una serie di motivi non avrebbero mai potuto installare sul proprio tetto un impianto: perché in affitto, o con vincoli storici o ambientali o altro.

Un altro ingegnere, Alberto Valente, ha ricordato la nascita di Plumake Srl, l’azienda con 21 soci nata nel 2013 con lo scopo di introdurre e di far conoscere alle aziende veronesi il potenziale delle stampanti 3D quando queste, allora e per alcuni, erano ancora oggetti del mistero. Pumake che, qualche tempo prima della costituzione ufficiale in azienda, ha dato il là anche alla fiera della Robotica Roboval, nata nel 2012 in piazza Carlo Ederle a Grezzana, dove è rimasta per due anni, per poi passare nella sede del Verona Fablab al terzo appuntamento, in Arsenale a Verona con 5000 presenze al quarto e all’interno di Verona Fiere al quinto, l’anno scorso. Ancora riserbo per l’edizione 2017 che si svolgerà comunque, come da tradizione, a marzo.

A parlarci del Verona FabLab, dei suoi 500 soci e delle numerose attività e professionalità emergenti ospitate al proprio interno è stata il presidente Riccardo Bertagnoli, il quale ha ricordato come questo luogo sia una vera e propria palestra del lavoro, in cui conoscenze tecniche, manifattura, creatività e strumenti digitali si incontrano per un mix davvero esplosivo e accattivante agli occhi dei più giovani, e non solo. A proposito di nuove tecnologie, ieri in villa era presente un simulatore di realtà aumentata che ha lasciato stupiti tutti i presenti, anche coloro che non hanno indossato il visore per entrare in un mondo 3D, del tutto virtuale.

Spazio anche a Nicole Scevaroli, collaboratrice di Pantheon che ha presentato la nuova edizione del suo libro di ricette, arricchito di nuove proposte e tante videoricette. Volume disponibile tra pochi giorni sul sito del giornale e acquistabile anche online.

Marco Andreoli e Fabio Lotti, di Progetto Yeah, hanno mostrato ancora una volta che la disabilità non è un limite, ma anzi un motivo in più per trovare nuove idee, soluzioni e proposte migliorative per tutti. Nato come progetto destinato a operatori turistici e strutture ricettive che vogliono imparare ad accogliere “con naturalezza” persone con disabilità e diventare strutture davvero “per tutti”, Marco e Fabio hanno inaugurato pochi mesi fa alcuni percorsi multisensoriali e accessibili proprio nel settore turismo e su questa strada proseguiranno anche nel 2017. Anche perché i dati sul turismo degli ultimi anni a Verona sono dalla loro parte.

A chiudere le danze il presidente di Finval Spa e vera anima di tante iniziative partire dal territorio della Valpantena e della Lessinia in questi anni: Germano Zanini. È stato il direttore Matteo Scolari a ringraziarlo pubblicamente, a nome dei presenti, per la sua innata capacità di avere una visione ampia e di aver dato fiducia tanti giovani che in Innoval prima e in Finval poi, hanno trovato in Zanini e in quel gruppo di imprenditori illuminati che dieci anni fa hanno dato il via alle varie iniziative, un supporto morale, un modello imprenditoriale e punto di riferimento che prosegue da allora.

Alla fine un risotto per tutti, della buona Birra Lesster (anche questa un’attività nata in seno a Innoval e guidata abilmente da Fosco Conti) e dell’ottimo vino della Cantina Valpantena accompagnato dai gustosissimi dolcetti di Forno Bonomi, hanno chiuso nel migliore dei modi la serata.

Nella foto: lo staff di Pantheon