L’albero di Natale più bello? A Erbezzo

albero natale

Torna anche quest’anno, il 26 dicembre, il tradizionale e suggestivo appuntamento con il Busimo’s Christmas Tree, il luccicante e maestoso albero di Natale realizzato grazie a circa 500 volontari che disponendosi con delle torce sulle pendici del Monte Busimo, vicino al centro di Erbezzo, danno vita a uno spettacolo visibile anche dalla città.

Da qualche anno la sera di Santo Stefano a Erbezzo non è una serata qualunque. Oltre a celebrare la ricorrenza, nel piccolo paese della Lessinia viene messa in moto dalla Pro Loco la grande macchina organizzativa del Busimo’s Christmas Tree, il suggestivo ed enorme albero di Natale umano visibile, tempo permettendo, addirittura dalla città di Verona.

albero erbezzoL’idea, nata qualche anno fa da Erminio Segala, è quella di portare centinaia di persone, simpatizzanti e curiosi, sul Monte Busimo, a pochi passi dal centro di Erbezzo, e di predisporli grazie all’aiuto di decine di volontari lungo un perimetro predefinito a forma di albero. Ogni persona (sono circa 500 quelle solitamente coinvolte in questo spettacolo, ndr) ha in mano una torcia elettrica e, a un dato momento, viene impartito l’ordine di accensione, quasi sempre alle ore 20, per circa mezz’ora: l’insieme delle torce crea un effetto suggestivo, unico.

Quest’anno il Busimo’s Christmas Tree si svilupperà su un dislivello di 400 metri e avrà un perimetro di 1200 metri collocato a partire da un’altitudine di 400 metri sul livello del mare.

«Si tratta di una manifestazione aperta a tutti, grandi e piccini (gli under 16 devono essere accompagnati da un adulto, ndr) e c’è una piccola quota di partecipazione di 20 Euro comprensivi un gadget, un biglietto per l’estrazione a premi che si terra la sera stessa, una torcia e un piatto caldo al termine della manifestazione – spiega Luca Vallenari, segretario della Pro Loco di Erbezzo. – Il ritrovo è fissato per tutti alle 17.30 ritrovo all’esterno del Palalinte (la palestra comunale) per la consegna del regolamento, della torcia elettrica e del numero identificativo».

«Alle 18.30 la partenza verso il monte: il tragitto è di circa due chilometri a piedi per chi è destinato al tronco, mentre per le fronde e i rami più alti il tempo e la fatica aumentano – prosegue Vallenari. – Le posizioni saranno delineate dall’organizzazione e i partecipanti si posizioneranno lungo il perimetro già delimitato da una fettuccia bianca e rossa. In considerazione della temperatura e del terreno sono consigliati abbigliamento adeguato al freddo e alla pendenza, con possibilità di neve».

Per garantire la massima sicurezza ai partecipanti, all’interno di tutta l’area sono collocati volontari della Protezione Civile e dell’organizzazione per aiutare nella sistemazione, per le comunicare via radio dei segnali e per il corretto svolgimento di tutte le operazioni coordinate.

«Alle ore 20.00 verrà dato il segnale per l’accensione di tutte le torce che resteranno puntate verso il cielo per una trentina di minuti e coordinate per alcune coreografie – conclude il segretario. – Alle ore 20.45 si farà rientro al Palalinte, dove saranno aperti gli stand enogastronomici e ci si potrà rifocillare. La serata proseguirà con l’estrazione della lotteria che mette in palio uno smartbox del valore di 300 Euro e altri premi, a seguire ci sarà una Band e un Dj Set».

In caso di condizioni meteo avverse, l’evento verrà spostato in un area più protetta. Con l’occasione viene organizzato anche un concorso fotografico. Le foto più belle verranno esposte presso la Sala Civica di Erbezzo, nei giorni di sabato 6 e domenica 7 gennaio.

Info e iscrizioni (entro il 20 dicembre): pagina Facebook /Erbezzo, oppure i telefoni 3280620091 – 3495256545 – 3284326929