Il 1 dicembre “Pancreas in Blues” al Teatro Camploy

Il 1 dicembre sarà dedicato al Pancreas Center, vera eccellenza della sanità veronese e tra i primi centri in Italia e nel mondo per la cura delle malattie pancreatiche, con l’inaugurazione del presepe nel reparto di Borgo Roma di Chirurgia Generale e del Pancreas e un concerto, organizzato dall’associazione “Gli amici del Pancreas”, alle 21 al Teatro Camploy.

Primo centro in Italia ad alta specializzazione dedicato alla cura, alla diagnosi e alla ricerca nel campo delle malattie pancreatiche e tra i primi tre al mondo, il Pancreas Center dell’AOUI di Verona è un’eccellenza del nostro territorio, recentemente lodata anche dal Presidente della Repubblica. Proprio a questo fiore all’occhiello della sanità veneta è dedicata l’intera giornata di domani, giovedì 1 dicembre.

Sarà infatti inaugurato alle 11, nel reparto di Borgo Roma di Chirurgia Generale e del Pancreas del prof. Claudio Bassi, il presepe realizzato con la tecnica del “diorama” di Massimiliano Tuveri, artista veronese apprezzato anche all’estero.

A concludere la giornata ci penserà il concerto a scopo benefico “Pancreas in Blues”, sul palco del Teatro Camploy dalle ore 21, promosso dall’associazione “Amici del Pancreas”, in collaborazione con il Comune di Verona e con il contributo degli Orange Studios e Musicalbox.

«Un appuntamento aperto a tutta la cittadinanza – spiega l’assessore Leso – finalizzato a sostenere l’attività della “Associazione Nazionale Donatori di Musica” che, all’interno dell’Istituto del Pancreas di Verona, porta in ospedale musicisti, più o meno noti, che condividono con i pazienti quei momenti di serenità che la musica sa dare anche nelle situazioni di difficoltà».

A salire sul palco nel corso della serata saranno il coro gospel “Melos Idè”, il trio folk blues dei “PoolMini”, i cantanti Bifo Combo e Rudy Rotta e il gruppo dei Sonohra. La partecipazione all’evento è ad offerta libera.