Domenica si ricorda il centenario dalla fine della Grande Guerra

E’ per domenica l’appuntamento con cui Verona ricorderà i 100 anni dalla fine della Grande Guerra. In programma numerosi incontri e dimostrazioni dell’esercito, tra cui il lancio dei paracadutisti che atterreranno in piazza Bra.

Con 3 colpi di cannone sparati a salve, Verona ricorderà domenica 4 novembre, alle ore 15, i 100 anni dalla fine della prima guerra mondiale. Il pezzo da artiglieria che li sparerà è un esemplare uguale a quello che si trova al colle Gianicolo di Roma e arriverà per l’occasione dalla Scuola di Artiglieria dell’Esercito Italiano di Bracciano. Le celebrazioni sono organizzate dal Comando delle Forze operativi terrestri di supporto di Verona, assieme al Comune.

Ricco il programma delle commemorazioni che si terranno in piazza Bra. Già da stasera, fino a lunedì mattina, Palazzo Barbieri sarà illuminato con i colori della Bandiera italiana. Domenica, alle ore 9.30, si inizierà con l’alzabandiera, seguito alle 9.45 dall’inaugurazione della mostra statica interforze. Alle 10.15 la giornata proseguirà con la cerimonia militare, che prevede la deposizione di corone al monumento ai Caduti e la consegna delle onorificenze dell’ordine al merito della Repubblica Italiana.

Nel pomeriggio seguiranno alle ore 14.50 letture commemorative sulla figura del sottotenente Alberto Riva di Villasanta, ultimo decorato della Grande Guerra; alle 15, orario in cui si decretò la fine della guerra, saranno sparati i tre colpi di cannone; alle 15.10 lettura del bollettino di guerra; alle 15.15 lancio di paracadutisti dell’Esercito italiano che atterreranno in piazza Bra; alle ore 16, nel pronao di Palazzo Barbieri, concerto della banda musicale della Scuola trasporti e materiali dell’Esercito; alle 17 ammainabandiera.

A conclusione della giornata, alle 17.30, in Gran Guardia, la Corale di Fara Vicentino proporrà la rappresentazione “Non solo guerra (Il profumo delle Rose e delle Spine)”.