“Carlin” Petrini all’Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere

Carlo Petrini, gastronomo e filantropo di fama internazionale arriva a Verona e sarà ospite dell’Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere di via Leoncino.

Un’istituzione che dura quasi da tre secoli, quella della storica Accademia di Agricoltura, Scienze e Lettere di Verona che, quest’anno, festeggia il suo 250° compleanno. E sarà quindi un esperto d’eccezione a parlare della sua importanza e del suo ruolo nella crescita dell’agricoltura e della cultura: Carlo Petrini, fondatore e presidente internazionale dell’associazione Slow Food che, l’1 marzo alle 16.30, sarà ospite dell’Accademia.

Una personalità di spicco che combatte per ridare dignità e valore al cibo. Carlo Petrini, conosciuto come “Carlin”, si conferma come un paladino non solo dell’alimentazione, ma anche dell’ambiente e delle tradizioni locali. Il 16 ottobre scorso, durante la Giornata mondiale dell’alimentazione della FAO ha ricoperto il ruolo di ambasciatore per l’Europa nel progetto Fame Zero e nel 2004 è stato inserito dall’edizione londinese di Time Magazine tra gli “European Heroes” nella categoria Innovator. Quattro anni più tardi il quotidiano inglese Guardian l’ha, invece, inserito tra le 50 persone che “potrebbero salvare il pianeta”, essendosi Petrini distinto per l’impegno nel combattere inquinamento ed effetto serra, promuovendo metodi di sviluppo sostenibile e tutelando specie animali e vegetali in via d’estinzione.

L’evento è organizzato in collaborazione con la Condotta Slow Food di Verona e con il patrocinio del Comune di Verona e di Federmanager Verona.