Arena: installata la nuova cabina elettrica

Presentata oggi la nuova cabina di trasformazione di energia elettrica che andrà a sostituire la vecchia strumentazione. L’intervento, a costo zero per il comune, è stato realizzato da Agsm.

“Un primo passo vero la ristrutturazione completa dell’Arena”. Così il sindaco di Verona, Federico Sboarina, ha definito la sostituzione della vecchia cabina di trasformazione di energia elettrica dell’anfiteatro, posizionata nell’arcovolo 50, con una nuova centrale elettrica collocata sotto la gradinata di Palazzo Barbieri.

L’intervento, a costo zero per il comune, è stato realizzato da Agsm attraverso la formula del contratto di sponsorizzazione che ha previsto, in cambio dei lavori, l’intitolazione del palazzetto dello Sport alla compagnia veronese per i prossimi nove anni.

La sostituzione, il cui importo complessivo è stato di due milioni di euro, è risultata necessaria dato che la vecchia cabina presentava contenuti tecnologici e cavi degli anni Cinquanta e non era in grado di far fronte ai carichi energetici richiesti dagli spettacoli di extra lirica. Inoltre grazie al riposizionamento della struttura, l’arcovolo è stato liberato e potrà essere destinato ad altri usi.

Alla presentazione gli assessori ai Lavori pubblici Luca Zanotto e al Patrimonio Edi Maria Neri, il presidente di Agsm Michele Croce con il Direttore Area Lavori, ing. Alberto Spada, il direttore operativo della Fondazione Arena Gianfranco De Cesaris e il conservatore dell’Arena, ing. Sergio Menon.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.