Verso Hellas-Empoli, Zaffaroni: «Pronti a dare tutto»

Domenica, con l’Empoli al Bentegodi, l’Hellas Verona si gioca un bel pezzo di salvezza, prima dell’ultima con il Milan. Il prepartita di mister Zaffaroni.

Hellas Verona, Marco Zaffaroni
Hellas Verona, Marco Zaffaroni
New call-to-action

Le dichiarazioni dell’allenatore gialloblù Marco Zaffaroni, rilasciate nell’antivigilia di Hellas Verona-Empoli, incontro valido per la penultima giornata della Serie A 2022/23 in programma dopodomani – domenica 28 maggio, alle ore 12.30 – allo stadio ‘Bentegodi’.

Come arrivate a questa gara?

“Ci aspetta una partita importantissima, il percorso che abbiamo fatto ci consente di essere qui a giocarcela e questo vale molto. Ci siamo preparati bene, dobbiamo arrivare alla sfida con la giusta tensione, quella che ti permette di fare le scelte giuste, che ti fa percepire il pericolo ma che non deve bloccarti le gambe e appannare il pensiero.
Affrontiamo la partita con grande fiducia, consapevoli di giocare contro una squadra in grande condizione, che ha vinto 3 delle ultime 4 partite. Ultimamente l’Empoli ha cambiato sistema di gioco, trovando equilibri importanti. Hanno giocatori bravi, e noi sappiamo di dover giocare al massimo, ci siamo preparati per questo”.

LEGGI LE ULTIME NOTIZIE DI SPORT

Guarda la conferenza stampa


Semplici ha dichiarato che Lecce e Spezia meritano di più la salvezza: cosa risponde?

“Il campo è giudice e dirà chi si meriterà questa salvezza, e noi proprio sul campo vogliamo meritarcela. A partire da domenica”.

Domani i tifosi saranno presenti a Castelnuovo del Garda: può mettere pressione o dare ulteriore carica?

“Credo che i tifosi siano una componente fondamentale per raggiungere l’obiettivo. La cosa deve essere vissuta con estrema naturalezza, non deve mettere tensione ma creare il giusto entusiasmo per consentire alla squadra di fare la prestazione”.

È più teso per il match dello Spezia o del Verona?

“Chiaramente seguiremo lo Spezia con un interesse diverso rispetto alle altre partite. Ma noi dobbiamo pensare alla nostra gara, che innegabilmente provocherà emozioni diverse rispetto al solito, come tutte quelle in cui ti giochi qualcosa nel finale di stagione.
La chiave sarà come saremo in grado di gestire questa emotività”.

LEGGI ANCHE: Sottopasso via Città di Nimes: eppur si muove

L’unico risultato utile è la vittoria…

“L’obiettivo della squadra deve essere quello di mettere in campo tutte le energie, fisiche e nervose. Non dobbiamo dimenticare che giocheremo contro una squadra di livello, ma dovremo cercare di vincere e ci proveremo fino all’ultimo secondo. La squadra dovrà avere la forza di restare in partita per tutti i 90’ perché non possiamo permetterci alcun calo di tensione”.

Il pubblico come sempre non mancherà…

“I tifosi hanno bisogno di una squadra che lotta per 90’ e che faccia la prestazione al di là della qualità e dell’estetica del gioco. Quando il pubblico al termine della gara capisce che più di così non puoi dare te lo riconosce. Non dovremo sbagliare da questo punto di vista”.

I giovani saranno una soluzione da riproporre, oppure – vista la sfida – vi affiderete a giocatori più esperti?

“Considerando il nostro percorso, dispendioso sul piano delle energie nervose, ho sempre detto che sarebbe servito l’apporto di tutti, e le scelte che abbiamo fatto sono state coerenti in questo senso”.

Come sta Verdi?

“Ha fatto lavoro differenziato per qualche giorno, ma gli ultimi allenamenti li ha svolti con la squadra. È a disposizione. Lazovic? Ha avuto un problemino muscolare, non di grande entità. C’è la speranza di poterlo recuperare in vista del Milan”.

LEGGI IL VERONA SPORT
Ricevi ogni domenica i risultati del calcio dalla Serie A ai dilettanti in tempo reale!
CLICCA QUI PER RICEVERE IL VERONA SPORT