Verso Hellas-Cagliari, Juric: «Il momento positivo è merito di tutti»

A poche ore dalla gara dell'Hellas Verona contro il Cagliari, prevista per domenica 6 dicembre alle 12.30 al Bentegodi, il tecnico Juric ha commentato il buon momento della sua squadra. «I ragazzi adesso sono splendidi, in questo campionato già dall'inizio stiamo andando oltre ai limiti» ha affermato.

A poche ore dalla gara dell’Hellas Verona contro il Cagliari, prevista per domenica 6 dicembre alle 12.30 al Bentegodi, il tecnico Juric ha commentato il buon momento della sua squadra, galvanizzata soprattutto dalla prestazione ottimale e la vittoria contro l’Atalanta di sabato scorso. La gara con il Cagliari sarà anche occasione di rimediare alla sfortunata eliminazione in Coppa Italia proprio contro i sardi di mercoledì scorso.

«I ragazzi adesso sono splendidi, hanno voglia di fare, di essere attenti, di sacrificarsi. In questo campionato già dall’inizio stiamo andando oltre ai limiti» afferma. «Abbiamo recuperato qualcuno, avendo più soluzioni rispetto all’inizio. Ora dobbiamo rimanere fanatici nel lavoro e nel frattempo migliorare nei dettagli e nei particolari. Il nostro è un ambiente giusto, non è da sottovalutare il fatto che remiamo tutti dalla stessa parte, è merito di tutti questo momento positivo».

Ha poi parlato della situazione infortunati. «Per Lazovic, aspettiamo completi lo “screening” medico di rito per ottenere l’idoneità sportiva, ma gli ultimi test diagnostici per il Covid 19 hanno dato esito negativo. Magnani ha recuperato, Lovato è riuscito ad allenarsi, ora deve continuare a lavorare con continuità e tranquillità. Vieira ancora non ci sarà, come anche Günter, Cetin, Kalinic e Benassi. In attacco giocherà Di Carmine, poteva segnare nelle ultime partite, è giusto che abbia l’opportunità di sbloccarsi, continuando a fornire l’ottimo contributo delle ultime partite al gioco della squadra».

C’è dispiacere per l’eliminazione in Coppa Italia, nonostante la buona prestazione. «Penso che ogni partita è a sè, per come è finita in Coppa Italia c’è rammarico ma è stato anche frutto di un episodio» prosegue. «Per domenica penso che Di Francesco abbia lavorato su concetti che conosce bene, hanno una rosa che si sta rafforzando per poter arrivare nella parte sinistra della classifica».

Tagliato il traguardo delle cinquanta partite per Juric con il Verona. «La più bella partita è stata quella con la Juventus, di altre partite non ne cambierei nessuna» conclude. «Penso che le ultime partite abbiano fatto uscire il sacrificio e la voglia del gruppo, con buone prestazioni. Rispetto all’anno scorso hanno fatto passi avanti Zaccagni, Dimarco e Dawidowicz».