Udinese-Hellas, Zaffaroni: «Dovremo avere l’atteggiamento giusto»

Fischio d'inizio alle 20.45 di lunedì 30 gennaio per il match tra Udinese ed Hellas Verona. Mister Zaffaroni ha un obiettivo chiaro: restare nel campionato di Serie A.

zaffaroni
New call-to-action

È in programma per lunedì 30 gennaio alle 20.45, alla Dacia Arena, il match valido per la 20a giornata della Serie A TIM 2022/2 tra Udinese ed Hellas Verona. Le dichiarazioni dell’allenatore gialloblù Marco Zaffaroni, rilasciate in conferenza stampa all’antivigilia della partita.

Che Udinese affronterà il Verona? 

«Una squadra forte, soprattutto fisicamente e con giocatori di grande qualità sia in mezzo al campo che in avanti, molto temibile sulle palle inattive e che alla Dacia Arena è sempre difficile da affrontare. È una gara che nasconde tante insidie. Noi dovremo metterci tanta attenzione e l’atteggiamento giusto, voglia e mentalità, senza mai mollare per tutti i novanta minuti, reggendo su ogni duello: lì si giocherà la partita».

Rispetto al recente passato, oggi possiamo tornare a considerare anche il pareggio un risultato utile? 

«Il nostro percorso dev’essere chiaro, ovvero quello di riuscire a rimanere dentro questo campionato per giocarcela fino alla fine. Ci vorrà forza per migliorare la qualità delle prestazioni, ma anche forza mentale e nervosa. L’esperienza, se andiamo a guardare gli scorsi campionati, ci insegna che, spesso, tutti i calcoli che si fanno da questo periodo della stagione in poi vengono smentiti: ci sono sempre molte sorprese. Il rischio attuale è quindi quello di focalizzarsi troppo sulle ipotesi e questo non dobbiamo farlo».

È preoccupato per la rivisitazione in corso a centrocampo? 

«È logico che non è stata una settimana come le altre, però dal punto di vista pratico siamo riusciti a fare tutto quello che era in programma. Dobbiamo avere questa grande capacità di riuscire a rimanere concentrati su quello che ci serve ora, sul nostro obiettivo. Andiamo ad affrontare una squadra forte e quindi occorreva preparare questa partita bene sotto tutti i punti di vista. Abbiamo fatto il massimo di quello che si poteva fare».

Rientrerà qualcuno tra coloro che erano indisponibili? 

«Purtroppo Veloso ha avuto un problema durante la scorsa rifinitura e quindi non sarà convocato nemmeno per Udine. Faraoni è tornato a lavorare sul campo questa settimana e nella prossima aumenterà i carichi di lavoro: è sulla via del recupero. Rientrerà Verdi, che si è allenato con la squadra».

Ha sperato di poter continuare a contare su Ilic per il resto della stagione? Quanto pesa questa perdita? 

«Non possiamo permetterci di pensare ad altro. In questo periodo ci sono dinamiche tecniche e altre societarie, sulle quali non voglio entrare. Abbiamo avuto Ilic fino alla scorsa partita, d’ora in poi non ci sarà: rimaniamo concentrati su chi sarà con noi».

Ci saranno variazioni sulla trequarti con l’Udinese? 

«Ngonge, Zeefuik e Braaf si sono allenati con continuità. Hanno bisogno di acquisire condizione sul piano fisico e lo stanno facendo. Si stanno integrando sempre di più».

Abbiamo chiuso l’andata a testa alta, ma i numeri stessi dicono che per salvarsi bisogna viaggiare al doppio rispetto al girone d’andata… 

«Dobbiamo riuscire a ragionare nel breve periodo. Se ti poni un obiettivo del genere, può sembrare più grande di quello che è. Settimana dopo settimana, le gare saranno sempre complicate, per noi come per tutti. Poi, nel girone di ritorno, si innescano dinamiche diverse e, ripeto, le sorprese ci sono sempre, basti vedere la Salernitana della scorsa stagione».

LEGGI IL VERONA SPORT
Ricevi ogni domenica i risultati del calcio dalla Serie A ai dilettanti in tempo reale!
CLICCA QUI PER RICEVERE IL VERONA SPORT

👉 VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?
👉 È GRATUITO!

CLICCA QUI

PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
👉 CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM