Tecnovap Verona Baseball: parla il direttore sportivo Marogna

Torniamo oggi nell'olimpo degli sport oltreoceano con il Tecnovap Verona baseball. Abbiamo intervistato Andrea Marogna, direttore sportivo del club.

Torniamo oggi nell’olimpo degli sport oltreoceano con il Tecnovap Verona baseball. Abbiamo intervistato Andrea Marogna, direttore sportivo del club.

Leggi anche: Tecnovap Verona Baseball, De Boni: «Quest’anno ambiamo allo scudetto»

Parlando delle suo origini come giocatore della prima squadra Marogna racconta:«Il mio ultimo anno come giocatore è stato il 2018. Ho deciso di concludere la mia carriera come giocatore e di intraprendere la carriera dirigenziale con la nascita del mio secondo figlio per poter conciliare nel miglior modo possibile il lavoro e l’impegno familiare.»

«All’inizio è stato difficile perchè è necessario cambiare mentalità staccandoti dai tuoi compagni di squadra. In questi anni è andata meglio, il fatto di relazionarmi con giocatori di cui sono stato compagno o avversario fino a qualche anno fa mi ha permesso di capire quali sono le dinamiche e i bisogni di ognuno per poter rendere al meglio.»

Parlando del campionato il direttore si esprime così:«Il campionato 2020 è stato atipico causa Covid, siamo riusciti a giocare lo stesso anche se in forma ridotta. La Federazione inoltre aveva bloccato le retrocessioni. Adesso ci stiamo preparando per la stagione 2021: ci aspettiamo che la squadra continui con il lavoro svolto in questi ultimi due anni con il manager, facendo ulteriori passi in avanti senza mai perdere la nostra identità

Nel 2021 le serie A1 e A2 saranno unificate: «Questo significa che ci sarà un unico campionato formato da trentadue squadre con una distinzione: le squadre di A1 nella prima fase si sfideranno tra loro in un girone di andata e uno di ritorno. Coloro che si aggiudicheranno le prime posizioni disputeranno le fasi finali mentre le due squadre che arriveranno ultime nel girone si scontreranno con la squadre di A2. Si farà la stessa identica cosa per quanto riguarda il girone di A2.»

Per quanto riguarda i nuovi innesti il direttore sembra soddisfatto:«Abbiamo già acquistato Filippo Salviato, un ragazzo di Castelfranco, ci darà una mano nel reparto dei lanciatori sul monte di lancio. Abbiamo inoltre definito qualche settimana fa l’acquisto di Giuseppe Sciaca che ha avuto esperienze sia in A1 che in A2. Stiamo cercando di riportare in Italia Calevi, un ragazzo argentino che è stato con noi due anni fa. Potrebbe esserci qualche altra sorpresa nelle prossime settimane, sempre nel reparto dei lanciatori.»

Per quanto riguarda invece la crescita della squadra in questi anni Marogna sottolinea potenzialità e aspetti da migliorare«La squadra è giovane, infatti negli ultimi tre anni c’è stato un ricambio generazionale. Dal punto di vista tecnico hanno ancora molta strada da fare anche se siamo già a buon punto. Dobbiamo migliorare molto dal punto di vista mentale per affrontare meglio le partite e i momenti di gioco decisivi.

Ricevi il Daily

VUOI RICEVERE OGNI SERA IL QUOTIDIANO MULTIMEDIALE VERONA DAILY?

È GRATUITO! CLICCA QUI E SEGUI LE ISTRUZIONI PER RICEVERLO VIA EMAIL O WHATSAPP
(se scegli WhatsApp ricorda di salvare il numero in rubrica)

OPPURE
CLICCA QUI PER ISCRIVERTI AL CANALE TELEGRAM