Volley, Marta Bissoli 16 volte col numero 16 alla Vivigas

Marta BIssoli vestirà la maglia numero 16 per la sedicesima stagione. Per la palleggiatrice bilanci e obiettivi in ivsta del nuovo campionato in B1 con le nuove compagne di squadra

16 stagioni col numero 16.  Per Marta Bissoli la prossima stagione in B1 con la Vivigas Arena Volley  sarà scaramantica e da vivere con tanto entusiasmo, come lei stessa racconta. «Sarà sicuramente un anno speciale, perché giocherò con il mio numero, il 16, il mio sedicesimo anno in Arena Volley. Sinceramente» prosegue «non c’è un motivo legato alla scelta del numero 16. Quando da piccola avevo iniziato nel minivolley, l’allenatrice Giulia Pelucchini mi aveva dato la maglia numero 16 per giocare le prime partite. Da quel momento mi sono affezionata a quel numero e l’ho tenuto sempre».

Una maglia, la numero 16, diventata anche una scelta di vita. «Avevo ricevuto una proposta per andare a Montecchio come seconda palleggiatrice in serie A2. Questo per me è stato motivo di grande soddisfazione e non posso che ringraziare la società vicentina per avermi fatto questa proposta. Purtroppo però» aggiunge «non potendo conciliare l’impegno richiesto con il lavoro, visto che erano previsti anche degli allenamenti al mattino, ho deciso di continuare a giocare ancora con Vivigas».

«Purtroppo, come capita in tutte le squadre, ci sono delle compagne che non giocheranno più con noi – ha aggiunto la Bissoli – una su tutte il centrale Francesca Rivoltella, con la quale avevo instaurato una bella e sincera amicizia. È stata una perdita sia tecnica, pensando alla squadra, sia umana, ma sono contenta di avere avuto l’occasione di poterla conoscere».

Come ad ogni sessione di mercato, c’è chi va, chi rimane, ma anche chi arriva. Nuove compagne da accogliere e con le quali puntare ad un campionato di vertice. «Saremo in un girone nel quale spicca la presenza dell’Offanengo. Le altre squadre bene o male le conosciamo, così come sappiamo quali possono essere i nostri punti di forza. Per questo» sottolinea «puntiamo a disputare un campionato ambizioso. L’anno scorso, vista la prima parte di campionato, non avrei mai pensato di finire al quinto posto, regalandoci una seconda parte di stagione piena di soddisfazioni. A fine agosto ripartiremo con tanto entusiasmo, dovuto anche agli innesti di giocatrici giovani come Elisa Zanguio e Sara Coltri».

Sara Coltri che sta seguendo lo stesso cammino di Marta, dal minivolley fino alla prima squadra. «Mi rivedo in lei, e posso immaginare quello che stia provando nel fare il salto in serie B1, un’occasione da sfruttare al massimo. Se ce la metterà tutta e seguirà i consigli delle giocatrici con più esperienza, potrà veramente fare bene».

Come bene faranno sicuramente Marta e Asia Merzari, entrambe confermate palleggiatrici di Vivigas. «Sono felice di poter giocare ancora con Asia, perché andiamo molto d’accordo e la stimo molto come persona. È una giocatrice che si impegna tantissimo ed è umile, tutte qualità che da lei devo solo imparare. Il nostro ruolo non è assolutamente facile, e sapere di poterci sostenere a vicenda è già un buon punto di partenza. Se inoltre le nuove arrivate si integreranno bene nel gruppo, e faremo il possibile affinché ciò avvenga, potremo sicuramente raggiungere l’obiettivo prefissato».