Volley, il derby è della Calzedonia Verona

Ieri sera alla Kioene Arena di Padova, i gialloblù hanno vinto per 3 set a 0 contro la compagine patavina.

bluvolley verona

Verona fa suo il derby veneto e torna alla vittoria con un perentorio 0-3 in casa di Padova nella sesta giornata d’andata di SuperLega.

Nel primo set la BluVolley scende in campo con Asparuhov, Boyer, Solé, Cester, Spirito, Muagututia e Bonami. Grande partenza degli scaligeri con la coppia Asparuhov-Boyer a pieno regime in attacco che porta subito il parziale sul 6-9. Padova cerca di tenersi al passo con Ishikawa che mette a terra un diagonale imprendibile, ma ci pensa Solé a riportare il possesso ai suoi con un gran muro su Volpato. I gialloblù si mantengono stabilmente a + 5 dai padroni di casa, ma l’ace di Hernandez costringe Stoytychev al time out. Verona torna in campo e infila un uno-due micidiale con l’ace di Cester e il gran muro di Boyer su ishikawa. Poco dopo è proprio l’errore in battuta del giapponese a consegnare il set ai gialloblù. 19-25 il finale.

Il secondo set inizia in chiave scaligera e Verona cerca la fuga con Asparuhov a creare problemi al servizio. Sul 3-9 fantastica combinazione tra Spirito e Muagututia che lascia impotente la retroguardia padovana e conferma la gran serata dello schiacciature statunitense. I padroni di casa rialzano la testa con Ishikawa che infila una bella doppietta e Randazzo che centra il mani fuori che fa respirare i suoi. Verona continua a rispondere colpo su colpo e a mantenersi in pieno controllo: l’errore di Hernandez al servizio consegna a Verona il punto che vale il 10-15. Continua l’assolo scaligero con Solé ad arginare al centro della rete e Bonami a salvare palloni importanti. Spirito brilla in regia e serve a Muagututia il pallone del 14-22. È ancora un errore dei padovani a regalare il set a Verona, stavolta con Randazzo.

Inizio equilibrato nel terzo set con Padova che tiene il passo veronese. Sul 4-5 Solé mette i panni del regista e sorprende tutti con un alzata al bacio per Boyer che non si fa pregare e fulmina la difesa di casa. L’ace di Muagututia fa saltare sugli spalti i tifosi gialloblù accorsi a Padova per sostenere Verona e rilancia la fuga degli ospiti. Stephen Boyer continua ad essere l’incubo di giornata per la formazione di Baldovin e dopo un’azione infinita inganna il muro avversario e mette a terra un missile imprendibile. L’ace di Spirito porta i suoi sul 13-19 e lancia Verona verso la vittoria. Casaro risponde con un servizio perfetto che mantiene vive le speranze di Padova, e carica i suoi. Ishikawa centra una striscia positiva e avvicina Verona, ma non basta. Asparuhov corona una prestazione quasi perfetta con l’ace che annulla le speranze di rimonta degli avversari e chiude definitivamente il match sul 21-25.

«Vittoria molto importante per la classifica, per il punteggio e per il gioco. Abbiamo lavorato molto bene a muro mettendoli in difficoltà in attacco – ha detto coach Stoytchev – Boyer ha chiuso bene la sua zona, e Cester e Solé sono stati molto dinamici e per la squadra di casa è stata molto dura in fase offensiva. L’unico momento buio è stato nel terzo set quando pensavo di averla già chiusa, ma poi siamo riusciti a portarla a casa e questo conta più di tutto. Adesso ci aspetta una trasferta difficile che non abbiamo il tempo di preparare al meglio, ma faremo o di tutto per raggiungere il nostro obiettivo».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.