Vivigas è pronta a spiccare nuovamente il volo

Il campionato è ormai prossimo ad iniziare e la compagine di Castel D’Azzano si presenta al «via» sotto buoni auspici. Il capitano Alessia Mazzi: «Sarà una B tosta, ma la squadra c’è».

alessia mazzi vivigas (1)

Ancora una decina di giorni di lavoro e poi i punti inizieranno a contare veramente. Sta per volgere al termine il periodo di preparazione al campionato di Serie B1 per Vivigas Arena Volley, attesa il 19 ottobre dalla Carinatese per la prima giornata della nuova stagione. 

Se il buongiorno si vede dal mattino, si prospetta una giornata splendente per la pallavolo azzanese. La semina in questi mesi è stata soddisfacente e i recenti risultati conseguiti in amichevoli e triangolari restituiscono l’idea di una squadra in grado di lottare per le zone più nobili della classifica. L’obiettivo all’orizzonte è ancora sfocato, ma le premesse sono buone e, rosa alla mano, non pare utopistico provare ad accedere a quella griglia play-off mancata di poco nel precedente torneo

Il capitano Alessia Mazzi suona la carica: «Le sensazioni sono positive – commenta lo storico leader di Vivigas – abbiamo disputato delle amichevoli in crescendo e questo è normale perché inizialmente abbiamo pagati i pesanti carichi di lavoro. Il triangolare vinto a Volano ha dimostrato che siamo quasi pronte per l’inizio della stagione: in finale ci siamo scontrate proprio con la formazione trentina, un team di livello che sono sicura ci darà del filo di torcere anche in campionato». 

Un raggruppamento, quello B di Serie B1, che quest’anno contemplerà anche Offanengo e Ostiano, due realtà cremonesi di primissima fascia. «Oltre a queste due new entry, ci confronteremo generalmente con un torneo tosto – prosegue Mazzi – fissare ora un obiettivo non è facile, ciò che posso dire è che sono certa del valore del collettivo e del fatto che possa andare lontano. Starà a noi poi stabilire fino a che punto». 

La squadra della Vivigas

Alessia ha sposato per il settimo anno consecutivo la causa azzanese, un legame che primavera dopo primavera si fa sempre più intenso. «Passano le stagioni ma alla fine sono sempre qua – scherza – sono rimasta per la passione infinita che ho nei confronti della pallavolo e perché l’Arena Volley Team Verona è e resterà sempre casa mia. Questo è poco ma sicuro». 

Un sodalizio, quello nato nella scorsa stagione, che sta ampliando le proprie prospettive anche a livello giovanile. È fresco di settembre l’accordo col Volleyball Casalmaggiore, collaborazione che permetterà alle atlete veronesi più virtuose di accedere al massimo livello nazionale. «Credere nelle nuove generazioni è a mio avviso la politica più corretta – conclude Mazzi – siamo la prima squadra veronese in quanto a vivaio, un orgoglio da coltivare costantemente per continuare il processo di crescita iniziato. La strada intrapresa a mio avviso è però quella giusta».

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.